mi devo preoccupare, non mi devo preoccupare, mi devo preoccupare, non mi devo preoccupare…

Pubblicato il Pubblicato in i dislike, i like, partiti e poi tornati, quattro stagioni (rossa)

Un paio – abbonderò per difetto – di cose viste e sentite negli ultimi giorni. Il periodo è un po’ la morte dei sensi, si sa, ma gli stimoli esterni non godono di molta salute. Cioè, non sono io a vedere tutto grigio scuro.

Un paio di giorni fa, meno che a spasso, diciamo trascinando le membra forzosamente tra le vie perpendicolari che fanno da cornice al mio ufficio. In viale Piave, intorno alle 13.30, sotto una temperatura canicolare, una statua tutta blu – non immagino né chi fosse la persona dentro né chi fosse la persona “fuori”, in tutti i sensi – proprio nel lato battuto dal sole. Fermo. Immobile. Statuario. Ma nessuno passava, sì, sono passato io e pochi altri. Mi ha riportato alla mente un libro letto un paio di mesi fa o forse più, Observatory Mansion di Edward Carey. Consigliato. Sconsigliato invece il mestiere di statua in quelle condizioni. Anche se mi vien da dire in tutte le condizioni. Vedo statue umane da vent’anni. Provare a cambiare il repertorio? E uno.

Oggi ho pensato che il Futuro delle Libertà sia tutto qui. E anche un po’ quaqquaruaqquà. E due.

Rientro orora, infine, da una fuga dal concerto dei Fratelli Calafuria. Sarà che non sono più abituato agli standard indie italiani. O i suoni che non erano granché. O il nuovo corso e il nuovo batterista. O, conoscendoli solo su disco, li avevo idealizzati. Ma sono scappato. Tra me e quel palco, c’era il baratro. Prometto di non vedere altri concerti prima dei The National. E tre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *