potrebbe piovere

ve lo meritate Checco Zalone

F. mi ricorda alcuni fenomeni che, secondo lui, si manifestano solo in Italia. E non parla di Ruby, aspiranti soubrette che si innamorano di miliardari settantaquattrenni eccetera eccetera. Li definisce fenomeni minori, ma significativi. Ecco le piccole cose a cui nessuno pensa, travolti dai macro-eventi e dalle igieniste dentali:

  • l’era di Checco Zalone: presente ovunque, tutti lo linkano su youtube, al cinema e in tivvù, imita tutti (e a me continua a non far ridere, ma è un mio problema)
  • lo specifico cinematografico italiano, che è il film comico di livello zelig (ancora Checco Zalone)
  • la Lega che si indigna per il film su Vallanzasca, e non per la villa di Arcore con annessa sala per la lap-dance, ma l’indignazione è rivolta all’idea di aver fatto un film su Vallanzasca, e non sul fatto che è l’ennesimo flop del cinema italiano, ormai identificato con Checco Zalone
  • Giovanni Allevi tout court (imitato anche da Checco Zalone)
  • la satira di sinistra che (solo a volte, riconosciamolo) fa da spalla a comici qualunquisti solo perché fanno share (Checco Zalone)
  • su Facebook Checco Zalone ha quasi più pagine di Chuck Norris
  • molta gente cita a iosa i tormentoni berluscomici, come Checco Zalone, come se ci fosse ancora da ridere.

Ecco. Che cosa c’è ancora da ridere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.