danni di piombopotrebbe piovere

buonanotte, sì, buonanotte.

Buonanotte, detto un po’ alla romana. È così che Masi saluta Santoro al termine del suo intervento telefonico, con il quale dichiara di dissociarsi a priori (lo riporta integralmente Il Post). Mai un saluto fu più appropriato, anche se ormai ci siamo già, in piena notte. Parla di questa notte Giannini su Repubblica, e pensavo giusto poco fa al paragone tra i 2 momenti più difficili della Repubblica. L’altra notte, quella zavoliana, per intenderci, non l’abbiamo mai superata del tutto, a differenza di quanto si creda. Prova ne sono gli incubi che ci tormentano, quelli più di moda (Battisti dal Brasile) e quelli un po’ demodé (Zorzi dal Giappone). E questa notte, altrettanto terrificante perché, non essendo sanguinaria, permette a molti di fare sonni tranquilli, rendendo tutti ignari di come ci si sveglierà domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.