allevi che superano i maestri

Pubblicato il Pubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Ovvio, ci sono sempre cose più urgenti a cui pensare. Ma dedichiamo almeno un paio di minuti di riflessione al dibattito intorno a Goffredo Mameli nelle vesti un po’ grunge di Giovanni Allevi. Su la Stampa si tirano le fila e si raccolgono le lettere di protesta. Quello che mi rammarica è che 30 anni fa, probabilmente, al suo posto ci sarebbe stato uno del calibro di Maurizio Pollini. Ma 30 anni fa non era il nostro sesquicentenario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *