Spazio Pour Parler

non c’è solo il sesquicentenario

Provo a metter giù una lista degli anniversari, celebrazioni e ricorrenze a cifra diciamo tonda (zero, uno, dieci, venti ecc… secondo la convenienza e gli espedienti narrativi dell’autore) che renderanno questo 2011 importante, dopodomani (17 marzo) a parte, tanto sapete già di cosa si tratta. Vi confesso che in alcuni casi mi sono fatto aiutare da Wikipedia, ma fate finta di nulla. Internet è anche un po’ l’arte della finzione, proprio come il cinema. Qui, a scrivere, potrebbe esserci chiunque.

1/1: dieci anni dall’inizio del nuovo secolo e nuovo millennio, anche se c’è chi sostiene che la data da considerare è l’1/1/2000 (non ho mai capito ma mi adeguo)
10/2: da due decadi esiste Rifo(ndazione), meno male che non esiste già più
17/3: 30 anni dalla scoperta della banda di Licio Gelli che accoglierà tra le sue file anche un futuro presidente del consiglio
4/4: sappiamo che Moretti non ce la racconta giusta sul suo ruolo nelle BR, da 30 anni
11/5: avrò 44 anni da un giorno
1/6:  365 giorni senza leggere rockit.it
2/6: trent’anni senza Rino Gaetano e non più di dieci da quando ci siamo accorti che era morto
1/7: il patto di Varsavia è stato sciolto da 20 anni
19/7: una decade di domande sull’interruzione della democrazia a Genova
20/7: 10 anni di fama per Piazza Alimonda
22/7: da 10 anni so cosa è un black bloc
7/8: 12 mesi da quando ho spento l’ultimo cilindro di Old Holborn giallo avvolto in tre quarti di OCB corta
11/9: dieci anni dal design della nuova skyline di Manhattan
15/9: da ventanni sono militesente

Tornando al trucco di Wikipedia di cui sopra, ho letto con interesse quanto accaduto nel 2001. Ad ogni voce mi sono detto: caspita, già dieci anni. Non è, in effetti, un bel gioco da fare.

0 pensieri su “non c’è solo il sesquicentenario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.