the day after

Pubblicato il Pubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Possiamo tornare ad essere critici, ora? Ce n’è per tutti i gusti. Per continuare l’anno delle celebrazioni, una voce dal passato di ingenua aggressività anarcoide a cui l’Italia di allora (primissimi ’80) faceva piuttosto schifo. Chissà cosa pensano i Petrolio dell’Italia di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *