quella pessima abitudine di scrivere sui cadaveri

Pubblicato il Pubblicato in duepuntozero, tecnologia e altri incidenti

Il blog è morto, viva il blog. Fiorisce nella ex-blogosfera, oggi statusfera, il dibattito sul decesso del blog. Ottima la pillola di Squonk, che fa riferimento a un post di Mantellini, che io ho scoperto tramite i compagni di merende di Sempre un po’ a disagio (spero di non aver dimenticato nessuno). In realtà si tratta di un delitto, e io so chi è l’assassino. Nel 1980 presi una memorabile cotta artistica per Bob Marley, che morì l’anno successivo. Poi fu la volta, un paio di lustri dopo, di una profonda infatuazione per i Nirvana, e sapete tutti come è andata a finire. Ho pregato per la reunion dei Clash, con il risultato di renderla definitivamente impossibile. Poco più di un anno fa mi sono deciso ad aprire questo spazio. Poi non dite che non vi avevo avvertito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *