intermarché

Pubblicato il Pubblicato in partiti e poi tornati

Che coincidenza. Proprio oggi in cui ho letto un fantastico post sulle gioie dell’acquisto nei supermercati francesi, roba da acquolina in bocca, ecco l’editto di Umberto sull’embargo di protesta contro il loro atteggiamento “sull’immmigrazione” (il Corriere lo scrive proprio così, con tre emme, forse perché in Francia sono già alla terza generazione, come minimo). Non mi resta che divulgare il più possibile l’estro di Tinni, direttamente da Un, due, tre, via! dandovi un assaggio qui sotto, memore di tanti momenti felici passati al Leclerc da turista consumatore:

…in Francia, come si può ben immaginare, il banco frigo dedicato ai formaggi è il quintuplo di quello italiano: si moltiplicano confezioni, etichette e denominazioni impensabili e, benché tutte le volte mi riproponga di “provare un nuovo formaggio così quando torno in Italia faccio la figa annoiando il mio uditorio e racconto di aver mangiato per davvero quel che mangiano i parigini dando anche il mio parere in merito alle differenti qualità dei prodotti”, ogni volta, puntualmente, rimango intrappolata in quella rete di molle, a pasta semi dura, demi ecremé, duro, leger, à tartinner, aromatizzato, chèvre, provenienze geografiche mai sentite nominare e nomi propri altisonanti fatti almeno di tre membri (per provarmi la mia veridicità inserisco un link eloquente), che, dopo mezz’ora sprecata a gelarmi il sedere (fa un freddo luzzo nel settore frigo, in effetti), mi decido a prendere sempre il solito formaggio, che ho scoperto ormai tre anni fa, e che, fortunatamente, non mi delude mai (e che poi, per la cronaca, micca lo so, che tipo di formaggio è! so solo che si chiama Fine Ligne ed è della Leader Price).

0 pensieri su “intermarché

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *