step by step

Pubblicato il Pubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Faccio il deejay in un centro di aerobica. Non ci credete, vero? Fate bene. Ma secondo me potrebbe essere una professione del futuro e allo stesso tempo una marcia in più per le palestre, l’elemento differenziante che ti fa battere la concorrenza, il pizzico di creatività che avvicina al fitness qualcosa di diverso dal solito target che frequenta gli ambienti dedicati alla forma fisica. Seguo, due volte alla settimana, un corso di ginnastica che è un mix tra pilates, rieducazione posturale e ginnastica antalgica. Sono il più giovane, quello più in forma se non altro per ragioni anagrafiche, per il resto mi accompagno a pensionate e a qualche cinquantenne con problemi analoghi ai miei. Un toccasana che mi ha rimesso in sesto. L’ora di allenamento è un susseguirsi di esercizi alcuni dei quali molto rilassanti, o che almeno lo sarebbero se, pochi metri più in là, non imperversasse un corso di step. Faccio una premessa: nelle palestre da ricchi, quelle da centinaia di euro l’anno, situazioni così non esistono. Le associazioni come quella a cui sono iscritto io, che utilizzano spazi pubblici come le palestre delle scuole, ovviamente cercano il compromesso tra efficienza, qualità del servizio e contenimento dei costi. Quindi, in una palestra gigantesca di un istituto sperimentale, suddivisa in 6 micro palestre da paratie semoventi, dalle 18 alle 20 c’è di tutto e di più contemporaneamente. Pallavolo, calcetto, fitness, tai chi e step.

Quest’ultimo comporta una serie di problemi, come potete immaginare. Il volume della musica a cui le aspiranti toniche devono dimenarsi cozza con il resto delle attività. Quindi hai voglia a chiudere gli occhi nel momento in cui devi stirare il tuo corpo malandato sul tappetino e concentrarti sul ritmo del respiro. Non si scampa ai quattro quarti serrati di cassa dritta con la sequenza numerica crescente e decrescente dell’istruttrice, che impartisce ordini come un aguzzino con la propria ciurma di vogatori. Ma ai malati di melomania come il sottoscritto quello che non va giù è, indovinate un po’, la scaletta. La tracklist. La serie di brani premixati che, partendo da un 140 bpm abbondante, virano gradualmente almeno verso i 170. E in questa nuance c’è di tutto. Roba strasconosciuta per chi, come me, non frequenta assiduamente discoteche dai tempi di “up down like a yo yo life is just a giddy up a go go” (non è vero perché ho avuto un rigurgito nel periodo “rhythm is a dancer”, che si accomuna al precedente citato per essere uno dei peggiori della mia vita), robaccia commerciale fatta con i peggio software per sound designer. Non mancano i pezzi disco-dance anni 70, stretchati di velocità e aggiunti di improbabili casse techno; wakawaka e dintorni, e via così. Talvolta fanno capolino acidissimi remix, per esempio Don’t go degli Yazoo o un pessimo remake electro-rock di You shoot me all night long dei quantomai fuori luogo Ac-Dc. Insomma, si sente proprio di tutto, non ci facciamo mancare nulla. Dal punto di vista delle ragazze in azione sui gradini di allenamento, posso pensare che mentre sudi e fatichi non ci fai caso, non vedi l’ora che l’intero blocco di esercizi volga al termine e giungere all’agognato relax finale con Ludovico Einaudi, prima di buttarti sotto la doccia e lavare via quelle tossine sonore. Ma per me, lì a una ventina di metri impegnato in innaturali posizioni volte a far rientrare le mie spalle in una postura che nemmeno in seconda media potevo permettermi, è davvero troppo.

Così, per far passare più in fretta cotanta tortura, sogno di essere dietro la console di una palestra in centro, con modelle e quel jet set che non puzza come noi mortali nè bagna di sudore i tappetini condivisi. Io lì in alto, con le cuffie, a inanellare successi ritmati per una scaletta indie-cardio-fitness. Un repertorio del meglio dell’alternative danzereccio degli ultimi 40 anni, sotto decine e decine di hipster in all star che vanno a tempo e si rimettono in forma. Scalette mai ripetitive, tanto di musica bella da mettere ce n’è a iosa. Ecco, mi offro come deejay per palestre e centri fitness. Porto io l’impianto.

0 pensieri su “step by step

  1. Noi abbiamo un’istruttrice norvegese, e vai di Abba e Aqua, oltre a tutto lo scibile, come dici tu, in versione accelerata, ritmata e mixata. Ma sai che quando faccio step queste musichette non mi dispiacciono, anzi, le canticchio pure. Perchè noi desperate housewives (o workers fa lo stesso) ci sentiamo un po’ Olivia Newton John o Jane Fonda o addirittura Cindy Crawford… per un’ora niente culone o panzone, ma leggiadre creature!!!!
    Ovviamente anche noi palestra dell’oratorio, stile “fai da te” e risparmio assicurato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *