il levare è un valore aggiunto

Pubblicato il Pubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, i like

Voi che ascoltate LE rime sparse E il suono (prof perdonami l’uso improprio dei rerum vulgarium fragmenta) e non avete mai tenuto in mano uno strumento musicale in vita vostra se non per un’esecuzione corale per flauto dolce di “Fra’ Martino”, volta al conseguimento della sufficienza in musica in seconda media. A voi, pronti a sputare sentenze privi e privati dell’esperienza empirica dell’esercitare l’esecuzione in gruppo di canzoni popolari. Voi, vi diffido dal pronunziare qualsiasi giudizio sulla presunta pallosità di essere uno strumentista generico e militare in un gruppo dedito ai generi originari della Giamaica, reggae-rock steady-ska-dub. Perché non esiste luogo più comune da sfatare. Tutt’altro.

La premessa d’obbligo è che per suonare un genere qualunque devi esserne convinto, chiaro. E la musica in levare, dai più ritenuta monotona, necessita di motivazioni forti e di dedizione, questo sì, ma nè più nè meno di altri generi affini per essere costruiti su canoni specifici, per esempio il blues o la musica irlandese. Quindi, se vuoi suonare per soldi o per mostrare a te stesso e ad altri la tua raffinatezza o i tuoi virtuosismi, no way. Fai dell’altro, fatti crescere i capelli (se sei ancora in tempo) e metti su una tribute band di Yngwie Malmsteen. Il reggae e i suoi derivati sono finalizzati esclusivamente alla musica d’insieme e al suo ascolto anche dall’interno, l’abilità sta nell’inserirsi e nell’astenersi nell’esecuzione in modo da alternare i volumi di suono, è tutto un metti e leva, leva e metti. I tempi di batteria reggae sono tutt’altro che facili, non c’è metodo De Piscopo che tenga, suonare lento e con la cassa sul due e sul quattro non è nella nostra cultura. E sicuramente, per un profano, chitarristi e tastieristi devono farsi due balle così a ripetere in loop la stessa ritmica per tutta la durata del pezzo. Per non parlare del basso, la cui linea scorre immutata a bordone di  tutto. Bisogna essere amanti del genere, ripeto.

Ma questo metro di giudizio non spiega la qualità di alcuni brani storici, per non parlare dell’evoluzione del reggae, gli ibridi che con il levare sono nati e ciò che l’elettronica ha permesso, dando vita a un universo di sottogeneri. E poi, se siete musicisti, vi impongono un pezzo reggae e proprio non ce la fate, sono sicuro che qualcuno del gruppo ha con sé qualcosa che può aiutarvi a entrare in sintonia con le vibrazioni rasta. Che, come dice il profeta, sono positive.

0 pensieri su “il levare è un valore aggiunto

  1. “… vi impongono un pezzo reggae e proprio non ce la fate, sono sicuro che qualcuno del gruppo ha con sé qualcosa che può aiutarvi…”

    Volevo scriverlo io, tanto per aggiungere un luogo comune ;^)

    Sono assolutamente d’accordo sul fatto che puoi suonare solo quello in cui credi davvero. Soprattutto le parti ripetitive (oggi si dice loop), se ti scocciano, il tuo cervello ti dice di variarle e allora:

    1. o cambi e fai qualcosa che non c’entra niente
    2. o peggio ancora ti confondi

    Insomma: come fai, sbagli.

  2. A me basta la citazione (con coltissimo titolo latino) a mandarmi in sollucchero, non ti preoccupare.
    OT, comunicazione personale: Ho visto ieri sera il nostro amico batterista. Ti saluta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *