Spazio Pour Parler

libertanga

L’art director della nostra agenzia rivale, che ormai non è più rivale perché stiamo combattendo una guerra dei bottoni, e lui prima di essere un art director è un mio vecchio conoscente (guai a dire amico) dai tempi delle palette ottimizzate a 256 colori, ha lanciato un thread di disappunto tra il serio e il faceto sulla sua pagina Facebook perché la sua collega Consuelo (nome di fantasia ma che si addice al carattere) cambia lavoro. Consuelo, mora e sulla trentina, è una ragazza che ha una passione profonda per il ballo latino-americano, tanto da aver negli anni fatto di questa passione una professione e ora, dopo anni di riviste impaginate, di fotoritocchi sui difetti cutanei delle fotomodelle e di gif animate, ha deciso di offrire la propria vita alla salsa (quella da sala da ballo) e di dedicarsi solo all’insegnamento della danza, di gruppo e non. Ma nella nostra agenzia rivale Consuelo lascia un vuoto che va oltre la perizia nell’uso a ritmi industriali della suite Adobe CS. E l’art director mio conoscente, un po’ per burla ma non so fino a che punto, ha fondato questo gruppo dedicato alle numerose volte in cui Consuelo, indossando pantaloni a vita notevolmente bassa, nella sua tipica postura di lavoro un po’ piegata sull’ennesimo file di Indesign da impaginare, lasciava pochi dubbi sul modello e colore del suo underwear, che ha un nome che si avvicina a quello di un celebre ballo di coppia sudamericano.

E lui, che con gli anni è diventato un po’ un ganassa, definendo quel dettaglio un valido e capiente portapenne, si chiedeva giorno per giorno, con qualsiasi temperatura e in qualsiasi stagione, quanto potesse essere salubre avere una così ampia fascia di pelle scoperta sulla pancia e sulla schiena, non risparmiando commenti sulla presenza del tatuaggio sul retro pensato, sono parole sue, quasi a indicare la via più breve per incanalarsi nel solco inframezzato da una striscia sottile di tessuto. Insomma, a volte basta un colpo d’aria che, preso dietro, ti blocca la schiena, o davanti, potete immaginarne le conseguenze. E la comodità di quell’underwear, portato quotidianamente solo con l’obiettivo di non creare spessore sotto gli abiti aderenti, il cui comfort è oltremodo dubbio per un’attività di ufficio, da trascorrere seduti per il 90 percento del tempo, senza alzarsi a svelare ai colleghi gli elastici delle mutande, e a stare chini sul Mac Pro in un posto dove è tutt’altro che gratificante essere seduttivi perché, specie da un paio d’anni, vige la morte dei sensi in tutti i sensi stessi. Ho detto al mio conoscente art director che sono un po’ cazzi di Consuelo, che ognuno si mette le mutande che si merita, che è poco carino ricordare una collega solo per il portapenne. Ma è l’idea della seduzione 24x7x365 che lo turba, che si senta il bisogno, maschi e femmine di ogni età, di piacere a sé stessi e agli altri senza nemmeno un giorno di interruzione perché non si sa mai, un giorno in cui sei rilassato ed esci e non ti lavi e non ti dai il deodorante o ti metti le mutande lunghe che si vedono sotto i pantaloni, perché quel giorno lì potrebbe essere il tuo irripetibile giorno da preda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.