the horrors: i can see through you

Pubblicato il Pubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, appunti per una Top Ten del 2011, gruppi in cui vorrei suonare, pezzi che avrei voluto comporre io

Il nuovo album degli Horrors è alle porte, anzi è già uscito e qui trovate la recensione di Ondarock con cui concordo soprattutto nel parallelo tra il pezzo qui sotto, I can see through you, e le sonorità di Life in a day dei Simple Minds. Lo sapete, io vado matto per quelli che citano così bene i brani altrui così palesemente da andare oltre il plagio e sconfinare nella contaminatio. Lo considero un vero e proprio riconoscimento dell’autorità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *