alti e bassi di fedeltà sonorai dislike

disco inferno

Ecco, io l’ade o qualsiasi altra dimensione ultraterrena in cui si scontano gli errori compiuti durante la propria esistenza me lo immagino così, come un eterno pezzo dei Kasabian che un demone armato di frusta e vari attrezzi da tortura mi costringe a suonare senza sosta. Un loop senza fine, sullo stesso ritmo, sempre sullo stesso accordo, ad accompagnare la stessa linea vocale dall’inizio alla fine. Quattro minuti e zero nove secondi in cui non succede assolutamente nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *