Spazio Pour Parler

più incisivi per la questione molare

Che combinazione. Sono venuto a conoscenza, a distanza di pochi giorni, di due campagne che cercano di rivendicare il primato del corporativismo medico-dentistico nostrano su quello dei mercati emergenti, con l’obiettivo di porre freno al fenomeno del turismo ospedaliero e alle nuove frontiere delle cure last minute. Mi riferisco a un dibattito sul blog di Giovanna Cosenza e a una pubblicità di una catena di studi locale che ho visto per strada. L’odontoiatria nazionale fa quadrato e cerca di contenere l’emorragia di clienti che, allo stesso costo di una cura completa qui, possono godere in aggiunta al trattamento richiesto una vacanza per l’accompagnatore e la possibilità di visitare capitali altrimenti fuori dalle tratte turistiche tradizionali. I profitti generati dalle nostre carie sono sempre stati ingenti, il trasferimento di liquidi che ne consegue è diventato proverbiale, tanto che un dentista in famiglia è una delle fortune più anelate. Stiamo parlando infatti di una branca della medicina spesso borderline con la chirurgia estetica, e se è vero che in media le visite dal dentista sono piuttosto distanziate tra loro è altrettanto dimostrato che il loro costo è inspiegabilmente elevato rispetto al valore di altri beni di lusso. Insomma, ci si dà da fare per trattenere i nostri mal di denti in patria, come se la professionalità fosse solo un aspetto legato al Paese di nascita anziché al titolo conseguito e alla pratica esercitata. E se il mercato è così per tutti, chiudersi a riccio non serve a nulla se non a perdere smalto.

3 pensieri su “più incisivi per la questione molare

  1. Bel post!
    Ll’odontoiatra nazionale si sta difendendo coi denti!
    Ma io, che c’ho un po’ il dente avvelenato con i nostri “carissimi” dentisti, capisco chi va all’estero per farsi curare.
    Oh, l’ho detto! Scusa lo sfogo, ma me l’hanno proprio tirato fuori dai denti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.