a Milanoquattro stagioni (rossa)

di tutti, di più

Pubblicato il

“La biblioteca è il posto migliore che ho conosciuto”, dice Marius in questa struggente clip di Amnesty International dedicata a un ragazzino rumeno che tra sgomberi e mille difficoltà, in pochi mesi e grazie all’aiuto di volontari ha imparato a leggere e a scrivere e ha trovato un seconda casa. Il ruolo della biblioteca civica come spazio pubblico condiviso e gratuito, in cui chiunque può sostare senza essere cacciato, non è solo più quello di tempio della cultura, dell’archiviazione e del nozionismo, o almeno non solo quello. Un luogo in cui è possibile consultare quotidiani e usare Internet (le biblioteche più evolute) gratuitamente o comunque a prezzo non di mercato, aree talvolta addirittura dotate di wifi libero, che proprio a causa delle nuove povertà stanno acquisendo un significato diverso, quello di versatile tetto pomeridiano comune. Sono certo che i puristi storceranno il naso di questo, alcuni operatori del settore grideranno allo scandalo, chi usa la biblioteca per studiare sbufferà infastidito in prossimità di bambini che giocano e schiamazzano in sala ragazzi e adolescenti che si alternano alle postazioni dotate di pc. Ma credo che libri, dvd e cultura non siano mai stati così meglio di adesso, in mezzo a così tanta vitalità e a disposizione di chi ha bisogno di un po’ di tutto. Via Tilane. In questa foto, invece, un utente con la propria figlia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.