comunicazzioneduepuntozero, tecnologia e altri incidenti

log on, fuck off

L’Internet che tra le tante cose è anche un gran bel modo per instaurare e tessere rapporti umani, è anche un canale in cui i suddetti rapporti nati lì o sorti altrove ma nutriti nel “cloud” a certo punto puff, svaniscono. E non c’è niente di più semplice dal momento che i fraintendimenti sono all’ordine del giorno, non c’è faccina didascalica che tenga. La parola resta, lì nera su bianco (ma anche di un qualunque colore su un qualunque colore di sfondo, siamo tutti un po’ art director di noi stessi) e ha il significato che il lettore le attribuisce come gli pare e piace. Non vi è corrispondenza biunivoca con lo scrivente, almeno non di default, dipende da millemila fattori non ultimi l’acume di chi legge, la sua capacità di mettere in relazione ciò che ha ricevuto con l’indole di chi sta comunicando, i refusi stessi. Un “non” dimenticato, come la più celebre omissione di Riccardo Silva raccontata da Saramago, e il danno è compiuto. Chiaro che se due si sono conosciuti solo attraverso il browser, la carenza di intimità visuale rende ancora tutto più difficile e l’equivoco è costantemente in agguato, è difficile sgamare uno che fa finta, anche con Firefox. Questa è, da sempre, la chiave di lettura del comportamento in rete, rapporti che per taluni, sottoscritto compreso, ormai per forza di cose costituiscono la totalità dei contatti quotidiani a parte i familiari stretti. Non so come sia per i nativi digitali. Ma per le generazioni protagoniste di questa regressione sociale, la possibilità di far sparire qualcuno spegnendo semplicemente un dispositivo rimane comunque un insuperabile potere che conserva intatta la sua aura prodigiosa.

2 pensieri su “log on, fuck off

  1. Mmmh boh, sarà che io sono una sentimentale, io quando spengo un dispositivo mi rimangono in testa le parole e le immagini che le parole hanno generato, e di conseguenza le persone. Non ci sono mai riuscita a spegnere del tutto, forse perché non l’ho mai voluto. E non parlerei di regressione, o no? Dici che è una regressione? Boh, io so solo che ho conosciuto delle persone eccezionali che nella vita degli atomi non avrei mai avuto opportunità di conoscere 🙂

  2. Anche io ho conosciuto persone eccezionali. Ma c’è l’annosa questione dello sdoppiamento di personalità e quel sentirsi in grado di dire qualunque cosa solo perché l’altro non sa nemmeno che faccia hai, e a quel punto meglio arrestare il sistema 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.