partiti e poi tornatiquattro stagioni (rossa)

il ritorno del secolo breve

C’è un’analisi di Aldo Grasso oggi, sul Corriere, dedicata alla partecipazione di Mario Monti a “Che tempo che fa”, che oltre a ribadire i concetti già di dominio dell’opinione pubblica sui modi da preside, professore eccetera – che, voglio dire, io mi sento più rappresentato da un Presidente del Consiglio che si esprime come un preside rispetto a uno che si esprime come un bidello, senza offesa eh – è altresì ricca di spunti, uno fra tutti la demolizione dell’identità tra politica e tv nata e affermatasi nel corso dell’escalation brutale e volgare del ventennio appena messo da parte, alcuni dicono temporaneamente altri, come i più sperano, definitivamente. E chi parla di tono da prima repubblica non sbaglia affatto, soprattutto nel rimarcare che un conto è lo stile, un conto è la deriva che poi quella classe politica ha intrapreso, con i debiti distinguo. Ma per i fan più accaniti del secolo scorso, io mi metto in prima fila, è tutto Grasso che cola (pessimo gioco di parole). Comunque bentornato novecento, bentornato buon gusto.

7 pensieri su “il ritorno del secolo breve

  1. E si che pure non scoppiando di gioia all’idea che uno come Monti si trovi lì dov’è adesso, invece che a occuparsi degli affari privati di qualche banchiere, non posso che darti ragione. In attesa di un buon gusto da terzo millennio, accontentiamoci di quello retrò da fine novecento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.