alti e bassi di fedeltà sonorai likepartiti e poi tornati

cantargliene quattro, anzi quarantamila

La vendetta corale della società democratica e civile nei confronti di Anders Breivik, il folle integralista autore della strage di Utoya, è una forma geniale di rappresaglia, perché è allo stesso tempo bizzarra, demenziale, infantile e titanica. Decine di migliaia di persone che gli recano fastidio a suon di decibel, una forma di violenza da Blues Brothers, mi verrebbe da dire, come lanciarsi il cibo in bocca a distanza per far inorridire il tavolo vicino. Qui ci si vuole prender gioco con una canzone che ha un significato di pace e di uguaglianza, ed è una moltitudine inimmaginabile che annienta un individuo con l’arma più diversa che c’è rispetto a quella con cui l’individuo ha annientato una moltitudine. È l’evoluzione della risata che vi seppellirà, ed è il mio sogno di rivalsa da sempre. Raccogliere altrettanta gente, anzi di più, e andare tutti insieme nei posti in cui c’è bisogno, nei luoghi in cui si combatte, dove regna l’ingiustizia, dove è palese l’intolleranza, e mettersi a cantare a squarciagola le parole che più possono mettere a disagio e vedere poi l’effetto che fa. E, chissà perché (ma lo so il perché) se dovessi scegliere una canzone da cantare insieme a un milione di persone contemporaneamente per causare un po’ di mal di testa da queste parti, non ho nessun dubbio su quale sceglierei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.