scripta manent

un ricordo che ci stava tutto

E purtroppo esistono anche i gradi di separazione dalla tragedia, che l’ideale è che siano molto più di sei. E se conoscete persone che per qualunque cosa non vanno oltre l’uno non abbiate un istante di esitazione a tacciarli di mitomania, anche perché è bene non attirarsele, né le tragedie né la gente così. Con questo piglio preventivamente scaramantico ne faccio quindi solo un fugace accenno qui, perché conosco molto da vicino chi dista appena due da questa ma solo oggi, parlandone a pranzo, sono arrivato a questa riflessione a proposito delle catastrofi e a proposito di quella in particolare, che se chiedi in giro nessuno si ricorda nemmeno più di cosa si tratta. Quindi per me sono tre, e vi assicuro che sono già troppo pochi.

6 pensieri su “un ricordo che ci stava tutto

  1. Ma perché non lo sapevo? Nel ’85 avevo l’etá per ricordare abbondantemente e in casa mia il telegiornale era la nostra colonna sonora… Non mi fa sentire bene

  2. Avevo 15 anni e ne parlammo per bene pure a scuola. Ricordo bene che il profe di Italiano era molto sensibile a questo tipo di disastri…

  3. Ricordo invece il terremoto del Friuli e il dibattito che ne seguì in classe, facevo le elementari. Il periodo della mia vita in cui è accaduto il fatto cui mi riferisco invece ha i contorni – e i contenuti – piuttosto sfocati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.