alti e bassi di fedeltà sonora

giuliano palma pensaci tu

Pubblicato il

Il fatto che due dei componenti dei Fine Young Cannibals fossero precedentemente in forza con i The Beat, che oltre a essere quelli di “Mirror in the bathroom” e più in generale una delle migliori band della 2Tone, erano anche quelli sulla canotta di Sting del video di “Don’t stand so close to me“, vi giuro che non c’entra nulla con il fatto che non ho ancora capito perché nessun gruppo di rocksteady o ska di oggi non abbia ancora pensato a una cover in levare di “Johnny come home”, che a metterci una chitarrina in levare sarebbe la morte sua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.