alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 02.03.13

Castelli in aria, “24”: Oggi gli unici che si rallegrano di aver superato un altro anno sono i bambini. No, forse possiamo allargare il cerchio fino ai minori di 18 anni. Perché finché si tratta di raggiungere i 18 anni siamo tutti smaniosi di mangiare, bere, scartare i regali, divertirsi e aspettare di avere finalmente ‘sta benedetta patente e la possibilità di firmarsi da soli le giustificazioni per le assenze. Dopo i 18 invece gli anni volano, che è una frase che dicono tutti, senza eccezione alcuna. E tutti iniziano, chi più chi meno, a manifestare sempre meno entusiasmo, a lamentarsi sempre più insistentemente di star invecchiando, a nascondere l’età, a non volere nemmeno gli auguri, a volte.

chi ha paura di virginia woolf?, “Purghe staliniste”: Prendiamo quelli che insegnano italiano, ad esempio: certe volte ho come l’impressione che abbiano una antologia al posto del cervello, ragionano a unità didattiche. Finito che hanno di spiegare e di assegnare e di parlare e di leggere, leggere e far leggere, che fanno? Compilano a chiare lettere sul registro di classe: verifica scritta di italiano!

Ciwati, “I parlamentari Pd guadagneranno meno dei colleghi del M5S”: Oggi su Repubblica un pezzo di Annalisa Cuzzocrea spiega – sulla base degli impegni assunti al momento dell’accettazione della candidatura – che i deputati grillini guadagneranno solo 5000 euro lordi. Già. A cui si aggiungono però 3500 euro di diaria. E i 3300 euro per la diaria. Più i rimborsi per i viaggi dall’aeroporto e dalle stazioni, che si aggirano intorno ai 1000 euro. Più le spese telefoniche (3000 all’anno, circa). Più i 3600 euro per i collaboratori. Insomma, 10000 euro per sé, più 3000 e rotti al o ai collaboratori.

Il porco al lavoro, “Il capetto non è nato cattivo”: Non ha studiato molto, è vero, ha solo un diploma di scuola superiore ma è di quelli che pensano che il giornalismo si impari consumando le scarpe. Perché della conoscenza e della cultura: chissenefrega, noi siamo giornalisti e ci interessano solo i fatti. Deve essere anche per questo che mi odia, con la mia laurea e il mio master, cartastraccia inutile.

2 pensieri su “alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 02.03.13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *