alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 10.03.13

Pubblicato il

Andrea Ballone, “Sanremo e Grillo, la democrazia ai tempi del televoto”: Forse non lo sanno tutti, ma quella del televoto è una storia lunga, iniziata da un foglio di carta ruvida, sottile, di colore giallino e verdognolo. Si chiamava Totip ed era l’abbreviazione di Totalizzatore Ippico. Era un concorso nato nel 1948 riservato alle corse di cavalli, molto in voga negli anni ’80. Arrivò addirittura a insediare la popolarità del Totocalcio.

Il Post, “La dura vita del freelance digitale”: Non è più possibile infatti competere e sopravvivere in uno scenario ‘dopato’ dall’inserimento di nuovi attori, sempre meno professionalizzati, che offrono il proprio lavoro con la promessa di maggiore visibilità – sul fortunato modello di portali come Huffington Post. Ma sempre più spesso, nel tentativo di incontrare – abbassando le proprie pretese economiche – questa curva di offerta, sono i giornalisti stessi a offrire un intero catalogo di contenuti gratuiti in cambio di una ‘reputazione’, in «un vortice di speranza e duro lavoro:

Un, due, tre, via, “Ballerine”: Vedere queste ballerine, ogni giorno, quando apro gli occhi nel baluginare delle strisce di luce dalle imposte, quando mi faccio crisalide serale sotto il vuoto freddo del lampadario; vedere quelle scarpette, tutte le mattine e tutte le sere, in quei momenti preziosi e delicati quali sono le albe e i tramonti delle giornate, beh, mi fa stare meglio.

jumpinshark, “Per Natasha Kiss Kiss (non mi hai mandato le foto, ti confondi)”: Sono contattato da così tante ragazze simpatiche che il filtro di Gmail si è confuso e le ha prese per spam! Come se fossero messaggi farlocchi sulle assicurazioni e i prestiti, LOL. Non parliamo poi dell’antivirus che non mi fa mai aprire link e allegati delle giovani amiche di penna digitale. Un vero fastidio! Spero appunto di rimediare a questi inconvenienti con la presente comunicazione pubblica.

Potato Pie Bad Business, “Weekend con il morto – Constantin Brâncuși”: Ma la vita dell’artista di Peştişani ha ben altri meriti che non sono una sentenza a stelle e strisce sulla legittimità del suo pensiero. Quando nel 1914 scolpisce la Cariatide, e da lì va dritto e spedito al cuore del suo nodulo poetico più impressionante che sono i Gruppi Mobili, sconvolge l’idea di spazio nella cultura visuale contemporanea. Senza mezze misure toglie, ranca via, il piedistallo, l’elemento fisico che a guisa di cornice delimitava e dava una fine all’opera.

Fabio Chiusi, “Elezioni 2013: non ha vinto Internet, abbiamo perso noi”: Viste le proporzioni del fallimento, forse il problema non sta solo o tanto nei «sondaggisti», che pure hanno mancato clamorosamente la mira. Piuttosto il punto è, come ha detto Barbara Spinelli intervistata dal Fatto Quotidiano, che «la stampa non è andata alla scoperta dell’Italia, non ha né esplorato né ascoltato il Paese». In compenso, ne ha misurato morbosamente ogni suo tic sui social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.