alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 22.03.13

@casalegglo fine mondo in tre due uno minuti (un fake molto molto divertente)

La Linea d’Hombre, “Anche le formiche nel loro piccolo sono Mennea”: L’idea era quella di cronometrare il tempo di percorrenza del canale da parte delle formiche e poi moltiplicarlo per un coefficiente che lo rendesse confrontabile con il 19,83 di Tommie Smith, allora ancora record del mondo. Al momento della gara il bussolotto veniva accostato all’entrata della forassite/pista che la formica avrebbe dovuto percorrere più velocemente possibile. Pure se nessuno gliel’aveva detto, restavamo fiduciosi.

Diciotto Brumaio, “Santi, poeti e raccontatori di balle”: Nell’anno 2011 l’Italia è stata il quarto partner commerciale dell’India tra i Paesi UE, con una quota del 10,7% sul totale dell’interscambio India-UE, preceduta da Germania (21,7%), Belgio (16,55%) e Gran Bretagna (15,7%).

La Donna Camel, “Marò che asino”: I commenti che leggo sui blog, sui social e twitter sulla storia dei marò – ma a guardar bene vale anche per molte altre storie italiane – mi fanno venire in mente quella favola, o parabola o proverbio, non mi ricordo da dove viene, dell’uomo che andava con il figlio al mercato a vendere il suo vecchio asino.

la terza città, “Cotoletta, menù fisso”: In questo momento mi manca proprio qualcosa di buono e allora ho pensato, oggi, mentre uscivo dalla metro e camminavo verso casa con tutto il peso del mondo sulle spalle, ho pensato, mò mi faccio proprio una cotoletta, anzi due, che c’ho fame. Sono andata al supermercato e mi sono comprata le fette di tacchino, che a me di tacchino mi piace la cotoletta, e le uova. Farina e pangrattato ce l’ho sempre. Ah, e i limoni ho comprato. Che cotoletta senza limone è come babà senza rum, è come Roma senza il cupolone, come Milano senza, che ne so, facciamo il duomo. Vado a casa e cucino.

Menocchio, “T’ho mai detto che immagino delle sceneggiature?”: E mentre attraversavamo c’era un cinese con una Focus che arrivava veloce e non t’ho detto nulla e ti immaginavo sbalzato in aria che facevi la bicicletta con quelle gambette secche che hai e tutto era al rallentatore. Con una musica che non riesco a mettere a fuoco e con quella nebbiolina delle foto che dovrebbero essere romantiche.

Canzone del giorno
Vampire Weekend – Step

4 pensieri su “alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 22.03.13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *