alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 26.03.13

L’Espresso, “Sciocchezze sì ma a 5 stelle”: Roberto Casaleggio, nel video-simbolo del Movimento: “Nel 2018 il mondo sarà diviso in due blocchi: a ovest con Internet e a Est con una dittatura orwelliana. Nel 2020 ci sarà la Terza Guerra Mondiale (durerà vent’anni). Nel 2040 trionferà la rete democratica (Internet) (…) Nel 2050 un brain trust collettivo risolverà ogni problema mentre nel 2054 ci saranno le prime elezioni mondiali in Rete. Spariranno religioni, partiti e governi nazionali”.

Bastonate, “La rubrica sempre più POP di Bastonate che oggi ha titolo REPLICA ed endorsa fortissimo la nuova incarnazione di Anna Tatangelo”: Qualunque sia il livello in cui agisci, a un certo punto devi diventare post-qualcosa. Il bisogno di un POP femminile italiano credibile, nella sua accezione di R&B cafone e ballato da una protagonista scosciata, ha attraversato vent’anni di cultura senza dare nessun risultato credibile, ed è pure brutto dirlo lo stesso mese in cui è arrivata la notizia di una reunion delle Lollipop.

Nessuno dice libera, “Il posto più vicino”: Io lavoro in una Rianimazione Aperta, cioè i parenti dei pazienti possono stare, non più di 2 al giorno, vicino al letto del loro caro dalle 14 alle 19. Un vero lusso, nelle Rianimazioni classiche si può stare solo per mezz’ora, due volte al giorno. Studi recenti hanno, però, dimostrato che la vicinanza degli affetti migliora la prognosi dei pazienti ed è di grande conforto per la famiglia, nei casi in cui la prognosi sia chiaramente infausta.

Marco Campione, “Quale governo in un paese senza leadership?”: Se stiamo alla settimana appena trascorsa, ad esempio, essa ha visto Napolitano dare un incarico che non è un incarico, i nostri militari che – dopo essere stati “sottratti” all’India con l’inganno – vengono riconsegnati senza che apparentemente sia successo nulla di nuovo, l’incapacità di adottare rapidamente una misura economica per salvare le imprese dal fallimento più ingiusto, quello per crediti con uno Stato insolvente. Sono tutti sintomi della stessa crisi: un paese senza leadership e con le sue istituzioni in forte sofferenza. Lo testimoniano anche le recenti parole del Presidente Napolitano sul dover “garantire la continuità delle istituzioni repubblicane”. Parole inedite e da non sottovalutare. Una crisi istituzionale non è probabile, ma è possibile; continuare ad agire pensando che il peggio non possa accadere è irresponsabile.

Esquire, “The Reading List | Mod: A Very British Style”: From jazz music to Bauhaus design and Italian tailoring, Weight argues that mods were young, aspirational types who turned looking good into a form of social democratisation — it’s hard to spot who’s who in the class system when everyone’s mixing up sportswear and suiting.

minnelisapolis, “mettici una croce sopra”: Specie, prima delle vacanze, una croce, crocette, sull’allegato J/11; che sono felice, di tutte le scartoffie per la mobilità questo è nuovo, mi mancava, l’allegato J/11 che la J mi piace come lettera, mi ricorda che in molti sbagliano a trascrivere il mio codice fiscale perchè mica te la aspetti una J sul codice fiscale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *