alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 14.05.13

Pubblicato il

Miss Fletcher, “Da Boccadasse a Capo Santa Chiara, un pomeriggio di maggio”: Una felpa, una giacca leggera e via, fuori a godersi il bel tempo con lo scooter che non usavo da un pezzo e che regala un impagabile senso di libertà. Sono andata verso Boccadasse, già la conoscete, un luogo incantevole.

Popolino, “Civati non ha nessuno dietro”: Questo il tipo di commento che mi capita di leggere, ultimamente, da persone che prima non commentavano affatto, e già solo per questo saluto la cosa come una buona notizia.

Cristiano de Majo, “L’eroina come estetica”: Avrò avuto dodici anni la sera in cui a casa mi proibirono di guardare in tv Noi i ragazzi dello zoo di Berlino, il famosissimo film tratto dal libro-verità di Christiane Vera Felscherinow, eroinomane fin dall’età di tredici anni nella Berlino Ovest pre-unificazione. Lo guardai lo stesso e, anche se non lo rivedo da un secolo, la sensazione che ricordo è quella di un film che faceva venire voglia di drogarsi o, più precisamente, voglia di eroina. La conferma a questa sensazione è che quasi tutte le persone che conosco, utilizzatori anche sporadici di eroina, citavano quel film come se fosse il mito di fondazione della loro tossicomania.

Un pensiero su “alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 14.05.13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.