Spazio Pour Parler

mi dispiace devo andare

C’è un topos della cinematografia che è la prova che un film è finzione ma che più finzione di così non si può. Lei e lui sono sdraiati sul letto, svestiti o ignudi o nell’atto di liberarsi degli indumenti ma si capisce subito che c’è qualcosa che non va. Uno dei due nasconde un segreto, un partner che la aspetta, un senso di disillusione nei confronti dell’avventura romantica in sé, il disagio e l’inadeguatezza rispetto alla percezione delle proprie potenzialità amatorie, la scoperta di avere i calzini bucati, qualcosa da salvare là fuori che è talmente grande che nemmeno l’impeto più esagerato del mondo potrebbe compensare. O anche un ripensamento, un colpo di testa, una sbronza molesta, un tarlo insaziabile, uno sfizio, una rivalsa, una vendetta, la volontà di fare del male, una trovata del regista per risolvere un impasse della sceneggiatura. Lui e lei sono sdraiati, l’alcova illuminata dalla abat-jour, in questo esempio la casa è quella di lui. Lui propone qualcosa per cui si deve allontanare un attimo. Ti porto una bibita fresca, vado a prendere un cd di Natacha Atlas  o, semplicemente, vado un secondo in bagno. Lui sparisce dalla scena e lei si vede che riflette. Si alza. Ci ha ripensato. Lui ritorna e la camera da letto è vuota, lei se ne è andata via. Non se la sentiva. In quanti film le relazioni sono stroncate sul nascere così? Ma si è mai visto che qualcuno esce di casa e lo fa così velocemente e silenziosamente che l’altro non se ne accorge? La scena si chiude con lui seminudo, il bicchiere in mano, il morale affogato della bibita o, nel caso più comune, gettato via nel water con tanto di sciacquone.

11 pensieri su “mi dispiace devo andare

  1. I ripensamenti sono una roba da film: mai visto un essere umano che ci ripensava.
    (Appena ho iniziato a leggere ho pensato: avrà visto Libera uscita ieri sera in tivvú.)

  2. Sinceramente non ricordo film con sequenze del genere.
    In situazioni analoghe invece capita spesso di vedere uno dei due, soprattutto l’uomo, che si alza
    di fretta dal letto e sente l’urgenza di coprirsi col lenzuolo o di infilarsi i pantaloni prima di mostrare,
    alzandosi in piedi ancora ignudo, il papagno.
    Questo sì che è inverosimile.

  3. lei si alza avvolta completamente nel lenzuolo di seta e si dirige verso il bagno. io non ho mai visto nessuno avvolgersi nel mio lenzuolo di cotone arancione né mai io mi sono avventurata nel bozzolo lenzuoluto in casa d’altri. molto spesso perchè le lenzuola non c’erano, e soprattutto perché il primo pensiero prima di andarmene era: dove sono le mutande?

  4. I ripensamenti esistono pure, ma parliamone. Se non sbaglio anche in Innamorarsi la Strrep si fa portare in albergo da De Niro per poi andarsene, ma almeno lui esce con lei

  5. pensavo, in effetti, che tu avessi descritto la scena del film di sorrentino invertendo i ruoli. in realtà anch’io sarei andata via alla chetichella. cos’hai da spartire con una che alla tua domanda di cosa faccia per vivere ti risponde che pratica il mestiere della ricca? ma va’ va’…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.