partiti e poi tornati

ma dici a me?

Pubblicato il


In generale è perché mi dà fastidio che mi si dicano certe cose. A me, poi. Non abbandonate gli animali. Calderoli deve dimettersi. Stai dicendo a me? Basta con gli stanziamenti per l’acquisto di aeroplani militari. Comprate cibi a chilometro zero. Le lattine vanno con il vetro e non con la plastica. L’aborto clandestino sta riemergendo a causa dell’obiezione di coscienza. La legge sul conflitto di interessi, non dovevate farla voi? Non parcheggiate in doppia fila. Non parcheggiate in tripla fila. Ma nemmeno accostate in prima fila se c’è un divieto di sosta, un passo carrabile, un posto riservato a qualcuno che non siete voi. A me lo dici? Tenete la destra sulle scale mobili. Tenete la destra sempre a meno che non siate nel Regno Unito o di fronte a una scheda elettorale. Il PD doveva fare questo, il PD doveva fare quello. Il PD non sta facendo nulla di ciò che dovrebbe fare. Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento, perché rubacchiavano. Non dovete dirlo a me. Il Gas Propano Liquido è un derivato del petrolio, inquina più del diesel. A cosa servono le domeniche senz’auto? Johnny Marr ha suonato in un gruppo con Bernard Sumner. Stai parlando proprio con il sottoscritto? Dovete votare l’ineleggibilità di Berlusconi. E poi Renzi. A me lo dovete dire? Credete che non sappia tutte queste cose?

Cerco di fugare quindi la ridondanza di quello di cui sono già a conoscenza, dei principi che condivido, perché lo ritengo uno spreco. Come quelli del PD che mi danno i volantini quando siamo sotto elezioni. Io glieli restituisco perché non è me che devono convincere, io già sono convinto di votarli, glielo dico e loro mi guardano un po’ così. Mi verrebbe davvero voglia di non leggere più giornali accondiscendenti con i miei valori, cambiare canale di fronte ai talk show dove ci sono quelli che la pensano come me in un programma condotto da persone che la pensano come me rivolto al target cui appartengo su una rete che è tradizionalmente la più seguita dai miei simili. Allora a che gioco giochiamo? Non sono io quello a cui dovete far cambiare idea, quelli non vi stanno certo leggendo qui e anzi stanno guardando il film d’azione su Italia 1. Andate di là, fate breccia nella pellicola e cercate di portare a casa nuovi elettori anziché far innervosire la base consolidata. Perché davvero, poi finisce che uno cambia idea anche solo per farvi un dispetto.

2 pensieri su “ma dici a me?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.