partiti e poi tornati

chi non ride è del pdl

Guardavo la copertina di Crozza della scorsa puntata di Ballarò in differita – anche perché non ricordo di aver visto qualcosa in prima serata, a quell’ora il telecomando non mi compete – e notavo come fossa netta la differenza di facce da cazzo tra il pubblico, distinto in persone che ridono e applaudono perché oggettivamente le battute del comico fanno strappare almeno un sorriso (e non dite di no) e quelli che invece mantengono un’espressione di cemento, solitamente tutti azzimati nelle loro uniformi da gente che si diverte solo nelle tavernette dei ricchi con la lap dance.

Schermata 2013-10-30 a 14.45.37

3 pensieri su “chi non ride è del pdl

  1. dire che oggettivamente fa ridere è un po’ come quelli che dicono (soprattutto parlando di politica) che oggettivamente hanno ragione loro, io non frequento tavernette però nemmeno crozza mi fa tanto ridere, ammetto a volte mi strappa un sorriso ma proprio strappato, però a me sembra che allo stesso modo di quelli che non ridono anche quelli che ridono, spesso inspiegabilmente in modo sguaiato, lo fanno come si sentissero obbligati a dire da che parte stanno

  2. sì, hai ragione, ho esagerato. Però i tre tizi in giacca e cravatta sembrano trattenersi troppo forzosamente rispetto al resto dell’uditorio. Quello che voglio dire è che apprezzerei di più gli stessi esponenti o leccapiedi del pdl se si lasciassero andare un po’ di più, ridendo quando gli pare e non sempre attenti a fare l’anti-claque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.