alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 19.11.13

Paolo Attivissimo, “Per favore, non chiamateli nativi digitali”: Una ricerca della Bicocca smonta il mito della competenza informatica giovanile. Poiché i ragazzi usano dispositivi che si connettono in modo trasparente, invisibile, non percepiscono Internet come un’infrastruttura di base. Stanno crescendo in un mondo nel quale non solo non sanno, ma non possono smontare, smanettare, sperimentare. Tutto questo non crea nativi digitali. Polli di batteria, piuttosto.

Ho un libro in testa, “Il mestiere di scrivere secondo Elio Vittorini”. «Io non ho mai aspirato “ai libri”», scrive. «Aspiro “al” libro; scrivo perché credo in “una” verità da dire; e se torno a scrivere non è perché mi accorga di “altre” verità che si possono aggiungere, e dire “in più”, dire “inoltre”, ma perché qualcosa che continua a mutare nella verità mi sembra esigere che non si smetta mai di ricominciare a dirla… C’è una questione di vita o morte nel giro del nostro mestiere (di scrittori, n.d.r.). Si tratta di non lasciare che la verità appaia morta… Quello che non deve mai venir meno è il nostro sforzo di intrattenerla, comunque, tra noi uomini».

masticone, “Lettera a Martina”: Tuo padre aveva un gran talento ma, soprattutto, era un uomo dotato di una meravigliosa, innocente, intelligenza che mostrava il suo massimo quando, giocando con te, riusciva a creare una magia speciale.

L’Espresso, “Disabilità, la scuola italiana è rimasta senza sostegno”: Poca formazione, tagli ai fondi, aggiornamento assente. L’assistenza ai ragazzi disabili è troppo spesso lasciata alla volontà dei singoli insegnanti. Abbiamo raccolto le loro testimonianze e quelle dei genitori che ogni giorno lottano per i loro figli. E che denunciano una realtà drammatica.

Il nichilista, “Il grado zero della politica”: Siamo al colmo dell’indifferenza: da qui o si risale o si scivola nella rabbia. In quella genuina, radicale, che investe i metodi, non i contenuti. Che prende la democrazia, l’Europa, lo Stato, i partiti, perfino il Parlamento. Che non si accontenta degli aggiustamenti, e del resto non sono venuti, ma pretende una sostituzione. Della democrazia con altro.

Rivista Studio, “I Monty Python torneranno insieme per uno show”: Del sestetto originale oggi rimangono soltanto cinque membri – Graham Chapman, il sesto, morì nel 1989 per le complicazioni date da un tumore. Dopo decenni passati a seguire progetti individuali e prendere parte a film, scrivere libri o sceneggiature, oggi i cinque torneranno insieme per uno show esclusivo. Ad annunciarlo è stato Terry Jones, l’ex Monty Python che in questi anni è diventato attore, regista, presentatore tv e persino scrittore di libri per ragazzi.

Quasi a Occidente, “Alle 6 e trentacinque circa.”: “No, perché vedi, Emiliano carissimo,” fa il filosofo della corriera: “La tua Seicento, i tuoi vent’anni e la ragazza che tu sai, mica te li dà indietro nessuno. Al limite, se proprio proprio, oggi come oggi, ti ridanno indietro Forza Italia.”

menteminima, “Gambe“: Mia moglie aveva gambe lunghissime. Non erano affatto magre. Io le guardava quando si infilava le calze e le trovavo perfette. Credo di averla sposata per le sue gambe. Anzi, l’ho sposata per poter assistere alla vestizione di quelle gambe. Ci sapeva fare con le calze e le gambe, ma non ne era affatto consapevole.

Canzone del giorno
The Notwist – Close To The Glass

3 pensieri su “alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 19.11.13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.