Spazio Pour Parlertifiamo rivolta

non fiori ma opere di bene: una guida ragionata al vostro miglioramento per l’anno a venire, sempre che vogliate migliorare

Vi appunto qui, per vostra comodità, un po’ di buoni propositi che dovreste porvi come obiettivo per il prossimo anno. Qualche suggerimento utile a trarre ispirazione per i vostri status su Facebook, ma anche per avere un archivio qualora, nel corso del 2014, vi dimentichiate ciò che avevate promesso di fare: una dieta, essere più pazienti con i vostri anziani genitori, iscrivervi a un corso di tedesco per consentire al vostro cervello una fuga dall’Italia più comoda e così via. Nel dubbio, memorizzatevi da qualche parte l’url di questo post. Non si sa mai.

Intanto mettiamocelo bene in testa. Se c’è qualcosa che ci mette i bastoni tra le ruote non c’entrano né i costi della politica tantomeno gli spioni dell’Nsa. Il pericolo è la gente, almeno nove su dieci delle persone che incontriamo ogni giorno dal vivo o sui socialcosi – e non escluderei nemmeno i nostri contatti più vicini – sono contro di noi e il nostro progresso, usano l’arma del grilleggio, dei forconi, del nazi-animalismo, del cuore fatto con le dita e del veganismo per convincerci che studiare non serve più, che siamo noi i colpevoli della fine dell’umanesimo e ci propongono un medioevo mascherato da rinascimento. Al punto uno delle cose da fare metterei proprio chiudere i rubinetti della disponibilità verso i nostri simili, cercare di indurre questo prossimo a sfogarsi con quello successivo, ne va del nostro benessere. Individuiamo quel profilo su dieci che ci somiglia, di uno con cui confrontarsi ce n’è d’avanzo. E, ricordatevi, se avete bisogno, sono qui.

E poi finiamola di fare tutti la stessa cosa e di ripeterla a oltranza. C’è davvero tutto questo bisogno di postare i fumetti con le nostre sembianze? Di fare il twerking con cani e porci? Di indossare scarpe da tennis alte e borchiate tutti quanti? Di sposare le cause tutti insieme anche quando nemmeno sappiamo chi diamine siano le Pussy Riot? Di riempirci di rate per poter ostentare selfies con gli amici? Diamo il nostro voto a chi proporrà un numero limitato per ogni cosa. Non più di un milione di smartphone sul mercato italiano, quelli che restano fuori utilizzeranno qualcos’altro. L’oroscopo di Brezny che si autodistrugge dopo diecimila letture. Un numero massimo di un centinaio di buongiorno di Gramellini, poi il suo spazio editoriale sull’Internet cambia la password che gli sarà fornita solo nel 2015.

Per il resto dovremmo incazzarci di più ma con chi, davvero, se lo merita e prendere posizioni ferme sulle cose che contano. Evitare i bar che hanno il videopoker, ostruire le corsie dell’autostrada alle mostruosità a quattro ruote che non portano pazienza, cancellare i canali Mediaset dalle nostre tv, deridere pubblicamente i lettori di romanzi fantasy e di Libero, non cliccare più sui video delle tragedie che i quotidiani online pubblicano impunemente, smettere di seguire il calcio, togliere il saluto a chi scrive qual è con l’apostrofo e a chi vota i cinque stelle, seguire The Newsroom con maggior assiduità che i talk show in cui è ospite Andrea Scanzi. Proviamoci, per una volta. L’appuntamento è qui, su queste pagine, tra un anno. Tutti a raccontarci come è andata. Magari, a nostra insaputa, avremo dato inizio alla New Age.

19 pensieri su “non fiori ma opere di bene: una guida ragionata al vostro miglioramento per l’anno a venire, sempre che vogliate migliorare

  1. 😀 😀 .. io però, vista la mia ignoranza della lingua teutonica, un corso di Tedesco me lo farei volentieri. Raus! 😛

  2. robe’ mo’ ti copio con tutta la tua benedizione e amen! 😀 auguri a te e alla ” truppa “! da parte mia i buoni propositi di cui sopra li adotto da tempo e qual è rimane tale e qual è. speriamo bene! buon anno!!

  3. premetto che seguirò pedissequamente i tuoi consigli tutti, quasi tutti, tutti. In più per la gioia dei tuoi lettori ne aggiungo uno: scaricatevi le 5 stagioni di Breaking Bad e guardatele (al posto dei canali mediaset ma anche di quelli rai), ma in ordine, mi raccomando, non è difficile… o davvero volete morire senza conoscere Jesse Pinkman?

  4. Ti segnalo forse un refuso o forse un lapsus: “chiudere i rubinetti della disponibilità verso i nostri simili” non sta bene con “se avete bisogno, sono qui.” Per il resto sono a buon punto: la TV la guardo a dosi omeopatiche, non seguo mode, non ho FB, eccetera. Mi manca il tedesco, che io sono portato per le lingue come un pesciolino rosso, e altre piccole amenità.

    Il mio vero buon proposito del 2014 è conoscere persone (in carne ed ossa) nuove. Ce la farò?

  5. Sì, davvero, te lo consiglio.
    Vediti almeno il primo episodio, non so se è numerato o è il pilota… poi valuti… Usano delle giochesse di montaggio accattivanti, seppure poi son quelle note: flashback e flashforward…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.