casa plus1gmtSpazio Pour Parler

come diceva un mio amico, l’unico posto in cui una moglie non riesce a spostare l’arredamento è il bagno. Ma non è detto.

Cara, e care mogli altrui di tutto il mondo, ovviamente questo post è un divertissement e spero siate autoironiche, dovevo pur fare un titolo simpatico. Ma la sostanza non cambia, visto che sta cambiando tutto il resto. Dunque la conoscete vero quell’usanza che hanno le nostre mogli di dare un tocco di novità all’ubicazione di contenitori e contenuti delle nostre case, vero? C’è la fase uno meglio definita come ottimizzazione logistica, che consiste nelle mutande in un posto e i calzini nell’altro che diventa asciugamani nel cassetto in cui mettevi le mutande che ora vanno nel ripiano in cui impilavi i maglioni che ora vanno nella scatola Ikea in cui c’era l’abbigliamento da montagna che ora è in cantina tanto si usa una volta l’anno. Così il tempo per trovare ciò che si cerca raddoppia perché prima si sbaglia cassetto come sempre ma poi si sbaglia anche il cassetto che ci ricordiamo come quello giusto, a cui venivamo indirizzati dopo aver sbagliato la prima ricerca e aver chiesto le inevitabili informazioni.

A questa fase segue la fase dell’ottimizzazione logistica dell’ottimizzazione logistica, ovvero spostare la cassettiera che comprende maglioni, asciugamani eccetera dalla parete nella stanza da letto a quella di fronte in cui prima c’era l’armadio che così deve essere posizionato sul muro di destra per far spazio alla lampada che segue lo stesso shift in senso orario. Il tutto con contenuti compresi, ovviamente. Questo significa che il tempo per trovare ciò che si cerca triplica, perché prima ci si dirige verso la parete in cui c’era il mobile e poi quando lo si ritrova nella nuova collocazione si sbaglia cassetto la prima e la seconda volta come nel caso precedente.

Inutile scendere nei dettagli della terza fase, quella dell’ottimizzazione logistica dell’ottimizzazione logistica dell’ottimizzazione logistica. Arriva infatti il momento in cui le mogli decidono di invertire le stanze, i bambini crescono e hanno bisogno di più spazio o, viceversa, i ragazzi trascorrono meno tempo in casa e quindi possono anche vivere in un ambiente con il minimo necessario. I mobili della camera dei genitori vanno di là, sostituiti da quelli dei figli. Il tempo medio dell’uomo nella ricerca di qualcosa è così di quattro volte maggiore: ci si reca nella camera sbagliata, poi in quella giusta, poi verso la parete dove prima si trovava la cassettiera, poi verso la parete giusta, quindi si apre il cassetto che una volta conteneva ciò che si cerca, poi quello giusto e a quel punto, comunque, chiedere indicazioni alla propria moglie può essere anche un’azione giustificata.

Ma ho capito che questa smania di rinnovamento è un po’ un segno dei tempi. Pensate solo alla geografia e a tutte le città del mondo che, negli ultimi tempi, hanno cambiato nome, si sono riappropriate del loro indicazione topografica originale, vengono chiamate così o cosà per vezzo dagli opinion leader. Qualche esempio? Yangon. Lo sapevate che Yangon è il nome locale di Rangoon, la più grande città della Birmania anzi, pardon, Myanmar? Io l’ho scoperto ora. Per non parlare delle metropoli indiane. Mumbay è quella che alle interrogazioni di geografia a scuola chiamavamo Bombay, Chennai che è la vecchia Madras. E non entriamo nel merito dell’ex Unione Sovietica e gli stati al di là del Friuli, che insomma prima di metterli a fuoco devo accendere un computer connesso a Internet. O contare su qualche gioco di indovinelli con mia figlia. Lei si mette sulla cartina cartacea, fa le domande, e io che interrogo l’oracolo di Google e pigio enter, anche solo per rendermi conto di quante nazioni ci sono al mondo e che, se non si sta attenti, la prima volta che uno fa un viaggio in Africa il rischio di una pessima figura o di un incidente diplomatico è assicurato. Anzi no. Meglio fare un’assicurazione contro l’ignoranza e informarsi prima.

20 pensieri su “come diceva un mio amico, l’unico posto in cui una moglie non riesce a spostare l’arredamento è il bagno. Ma non è detto.

  1. tanto voi uomini le mutande non le ritrovereste nemmeno se fossero state nello stesso cassetto per 40 anni. allora tantovale divertirsi a fare spostamenti, no? la domanda quotidiana “dove sono le mie mutande?” non si scampa in nessun caso.
    🙂

  2. Sono stato relativamente fortunato quando sono stato sposato, la Ex Lei non aveva manie di spostamento, abbiamo spostato solo quando realmente necessario, però conosco casi patologici. Io ODIO gli spostamenti in casa tanto per spostare.

    @smilablomma
    E so sempre dove sono i miei vestiti. Ora più che mai! 🙂

  3. Da paura… l’anno scorso il divano lì, oggi di là, poi addirittura di sghimbescio in mezzo alla stanza :-O
    robe da matt! 😀 😀 Ciao Plusssss

  4. Ah, e io che pensavo che fosse prerogativa di mia madre. Però lei si occupa prevalentemente di mobili di una certa taglia, non perde tempo a spostare contenuti dei cassetti – tranne che per quelli (guarda un po’) del bagno.

  5. Già trapani e armadi dell’idea. Ovvero surrogati di falli e gravidanze. Diciamola tutta, quest’ansia di spostamenti, questa sindrome da ribaltamento mobiliare, é in realtà una risposta nevrotica al trauma primigenio. Quello che segue alla scoperta di non avere i denari per cambiare casa e/o mobili. Nemmeno per affidarsi agli psicomobilieri più economici sul mercato, il dottor Aiazzone e la dottoressa Emmelunga. L’unica risposta possibile, allora, é il delirio di onnipotenza. In cui sono mura, di cemento e mattoni, a piegarsi alle esigenze del truciolato già fin troppo sfruttato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *