duepuntozero, tecnologia e altri incidenti

chi ha detto che l’agilità dipende dal peso di una persona

E non mi riferisco a quella bestia di Cappellacci e alla sua eleganza da nutria nell’apostrofare la sua rivale Michela Murgia, voglio dire, ridurre il confronto politico a battute che nemmeno i grillinOH WAIT! No, non volevo parlare di questo, ma del fatto che oggi si sta consumando la “Giornata del Lavoro Agile“, un’iniziativa del Comune di Milano volta a incentivare la filosofia del risparmio di tempo di chi si deve recare in ufficio ma potrebbe lavorare dove preferisce, come il Vostro. E il caso vuole che oggi, giornata del lavoro agile, io sia a casa per motivi meno green e smart. Ieri notte infatti la febbre è salita confermando una versione blanda dell’influenza che c’è in giro e così ho pensato di stare a riposo, ma per modo di dire. Lo sapete che in certi settori professionali mica ci si può permettere di ammalarsi sul serio. Si tratta del solito discorso: la compenetrazione tra privato e professionale è fantastica in ambio lavorativo, perché coltivare la mia presenza personale online anche in orari di ufficio può giovare alla mia professionalità. Il rovescio della medaglia è questo, che poi uno vorrebbe starsene nel letto con il bicchierone di latte e cognac e invece. Ma, considerando la media di volte in cui sono indisposto (per usare un termine di altri tempi) è un contro a cui facilmente ci si abitua. Il vero problema del lavorare da casa semmai è un altro. Le scorte di cibo che ho in casa sono tentacolari, e se vi devo dire la verità, io proprio non so resistere. Da stamattina avrò preso almeno un chilo a furia di snack e spuntini, e non è giusto. Il telelavoro in realtà serve a dimostrare solo l’inferiorità dell’uomo nei confronti della dispensa.

6 pensieri su “chi ha detto che l’agilità dipende dal peso di una persona

  1. Beh, l’ex-agile nordest. Purtroppo. Che ci si è appesantiti la vita pure qua, da quando si è scoperto che devastare la meravigliosa campagna veneta con i capannoni prefabbricati, sulla lunga distanza, non si è rivelata una buona idea.

      1. Certo che si: in prati che sembrano pettinati ogni mattina filo d’erba per filo d’erba. Che devo dire: sono un’altra razza, immagina un contadino di Dobbiaco che permette alla malavita organizzata di sversare rifiuti tossici sul suo campo e dimmi se lo trovi verosimile. Noialtri “italiani” potremmo davvero vivere immersi nella più grande bellezza, e ce ne strafottiamo che più non è possibile: per tornare all’esempio di prima, quello del campo coltivato, solo una bestia potrebbe pensare al suo guadagno immediato e non alla salute dei suoi figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *