alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 28.02.14

Fuori Logo, “La mia famiglia è come la tua, ma non ha diritti”: Anche nella mia famiglia facciamo fatica ad arrivare a fine mese. Anche nella mia famiglia portiamo i bambini dal dentista, in piscina e ai compleanni degli amichetti. Anche nella mia famiglia si discute e si fa pace. Anche nella mia famiglia la mattina è un delirio di – Muoviti, lavati, hai fatto lo zaino? ricordati la merenda, finisci i biscotti. Anche nella mia famiglia si va al cinema (ogni tanto) per guardare i cartoni animati con le patatine del supermercato nello zaino, perché i pop corn costano un botto. Anche nella mia famiglia le tovaglie escono dalla lavatrice con le macchie di sugo e i calzini spaiati.

Rivista Studio, “Il museo dei suoni scomparsi”: Ogni giorno un rumore scompare nel nulla: può essere un cigolio o il canto di un ingranaggio. Un frullatore a manovella. La vecchia manopola di un’auto. O un tasto scattoso di una tastiera di computer. Conserve the Sound è un progetto nato per salvare dall’oblio questi suoni, trovargli una casa e lì tenerli per sempre, a perpetua memoria dei mille cigolii che hanno fatto il nostro tempo.

Quasi a Occidente, “Bengala”: il luogo perfetto per fondarci una Repubblica aperta a tutti coloro che, quando non sanno che dire, tacciono. Un luogo con tutte le istituzioni al posto giusto, ma dove i governanti non sgommano in Smart, in auto blu e neppure in bicicletta, perché non corrono di qua e di là, nelle scuole, allo stadio, alla TV, ma se ne stanno seduti a sbrigare le faccende dello Stato dietro a cumuli di polverose scartoffie. Non hanno fretta, perché non sono giovani con la strizza di invecchiare, ma vecchissimi saggi dalla folta barba bianca senza la fissa di ringiovanire.

theselbmann, “Ha trasformato più il mondo Facebook che due guerre mondiali. A saperlo ci potevamo risparmiare le guerre”: La forza di trasformazione del mondo ormai sta tutta fuori dalla politica per come l’abbiamo conosciuta. E infatti la politica risponde solo come non dovrebbe, cioè con l’idea di regolare invece di aprire le maglie. Celentano direbbe che la politica non è rock. Ma adesso il rock va anche un po’ di meno, quindi diciamo che la politica non è Indie.

Web e conoscenza, “La verità sta nel mezzo”: Quello dei compiti collettivi via whatsapp e hangout è il nuovo mondo dei quindicenni.

Canzone del giorno
Franz Ferdinand – Erdbeer Mund

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *