alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 08.04.14

WikiHow, “Come Fondare la Propria Nazione”: Stufo della politica, delle ingerenze del governo e della società corrotta? Le tasse ti opprimono? Se hai mai pensato che se le persone seguissero le tue idee, le cose andrebbero molto meglio, abbiamo buone notizie: puoi fondare la tua micronazione! Non è facile, ma non è impossibile, e qui potrai leggere come fare. Mostreremo anche alcuni successi, alcuni fallimenti e il vero futuro della creazione di nazioni. Continua a leggere!

Sempre Un Po’ A Disagio, “Quanti anni abbiamo”: Bellissimi film d’animazione, non c’è che dire, ma la mia impressione è che le opere del regista giapponese siano adatte ai bambini più che ad un pubblico adulto, adulto come me e come l’amico che, bastardo, mi ha fatto sentire in colpa. Insomma, non riesco a capire come persone della mia età (ho superato i trent’anni da un pezzo), che ormai dovrebbero avere confidenza con un cinema molto più complesso per la profondità e per i ritmi delle storie, possano considerare capolavori questi film. Che per me, ripeto, possono essere molto divertenti e, perché no, istruttivi per i bambini, per i ragazzini.

Ondarock, “Enrico Fontanelli, uno di noi”: Sono venuto a conoscenza della scomparsa di Enrico Fontanelli qualche ora dopo lo struggente messaggio di Max e Daniele. Evidentemente era destino che dovessi arrivare in ritardo anche questa volta.

unradiologo.net, “E me lo sono goduto tutto (l’abbraccio)”: Io credo che sia un nodulo benigno, ma prima di due ore non glielo saprò dire con certezza e soprattutto non potremo dare un nome e un cognome a quel nodulo. Abbiamo usato un mezzo di contrasto che ci da risposte precise ma ci obbliga a tempi lunghi, mi dispiace.

Gente Di Passaggio, “La migliore gara della nostra vita”: No, non non l’ho vinta, non sono arrivato primo, non ho alzato le mani sotto il traguardo. Solo secondo, a pochi metri da un tizio leggero come una piuma, che ci aveva massacrato fin dal primo tornante.

Federico Guglielmi, “Gennaio (Diaframma)”: Nella primavera del 1989, l’EP Gennaio costituì una svolta fondamentale nella carriera dei Diaframma. Anzi, più che una svolta fu una ripartenza, visto che all’epoca il gruppo era appena risorto con un nuovo organico dove il leader/songwriter Federico Fiumani era non solo chitarrista ma anche cantante.

poco mossi gli altri mari, “Una mano di bianco”: L’esecutore testamentario ha dovuto fare non poche ricerche: di me aveva solo il nome, il cognome di mia madre, la città dove ero nato e una data approssimativa. E quando mi ha trovato, ho saputo che “lui” era morto e che a me, figlio illegittimo e indesiderato, aveva lasciato i suoi libri. “Affinché si faccia una cultura”.

edp, “anticamere.”: Guardo lo spessore delle cartelle cliniche, altro indicatore non di poco conto. Tecnicamente entro sempre nei successi. Tecnicamente. Oggi però son la sola che ha fumato e in un attimo mi gioco tutte le carte che avevo, perché il fumo brucia gli ovuli; è la cosa peggiore e non c’è obesa che tenga di fronte ad una fumatrice accanita. Sine causa, si chiama, o idiopatica. Si dice così quando non riesci ad avere un figlio e un motivo non c’è. Anzi no, non è vero che non c’è, solo che non lo trovano, che non lo sanno e quindi ti dicono che una causa non c’è. Onnipotenza medica.

Fabristol, “La Sardegna in Svizzera? Perché no!”: Ed è proprio per questo motivo che l’idea di annettere la Sardegna come il 27esimo cantone della Confederazione Svizzera portata avanti da Andrea Caruso arriva la momento giusto come una ventata di riflessioni e aria fresca. Per chi come me non crede che la mentalità sarda sia in grado di affrontare la modernità, diversità e velocità del mondo moderno sapere che la Sardegna possa essere integrata in uno dei sistemi confederati di maggior successo dell’età moderna mi fa sperare per il meglio.

ederoclite, “Le schifezze del giornalista Andrea Scanzi – parte prima”: Non so voi, ma ormai quando leggo i post di Andrea Scanzi resto davvero basito davanti a tanta scorrettezza giornalistica. Sempre di parte, senza argomentare e perennemente in modalità slogan e propaganda pro-M5S. Sconcertante sono i sottopancia che gli vengono messi quando va in Tv: “Giornalista de Il Fatto Quotidiano”. Mi chiedo, giornalista di cosa? E non mi si venga a dire di cronaca politica, perché basta leggere qualche suo pezzo per comprendere quanto sia in malafede come produttore di parole.

Prima O Poi L’amore Arriva. E T’inc…, “Bozza di manifesto dei mai più in pubblicità (un promemoria).”: Mai più bambini che parlano della macchina nuova di papà citandone optional come se fossero venditori di auto. Mai più gemelli usati per sottolineare la doppia funzione di un prodotto. Mai più cornici usate per dire che un prodotto è un capolavoro.

taccuino22, “Jimi a sonagli”: Se conoscete Little Wing siete con ottime probabilità tra quelli che la ritengono un capolavoro. Se la ritenete un capolavoro, con altrettanto ottime probabilità attribuite la sua qualità alla originale struttura armonica circolare, al testo onirico e psichedelico, alla stratosferica chitarra di Jimi Hendrix. Però c’è un però.

Theselbmann, “Quando piove ho 7 o 8 anni”: Non ho potuto fare a meno di notarlo anche io che oggi piove. Un po’ lo sentivo da ancora sotto le coperte, un po’ me ne hanno convinto gli status su Facebook, nei quali era evidente che non ero stata l’unica a notare la pioggia. Che ormai siamo diventati come gli inglesi, il tempo è uno dei nostri argomenti preferiti. Non solo! Ci lascia stupiti! Ogni volta che c’è un fenomeno meteorologico sembra la prima volta che vediamo il sole, la pioggia, la neve. In fondo bene così.

Canzone del giorno
SOAK – “The Mother We Share” (Chvrches Cover)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.