quattro stagioni (rossa)

senilità, o della vecchiezza latente dentro

Invecchiare in un ambiente e in una società pesantemente ordinari come i nostri costituisce una delle principali cause di annullamento del desiderio di evasione. Si tratta di un decorso di cui non ci rendiamo conto per via del fenomeno dell’assuefazione al presente, che è un po’ lo stesso che ci fa stemperare il passato in brodo annacquato ma con il minimo necessario di sostanze vitali necessarie a una sussistenza vegetativa di base. E non mi riferisco certo alle esperienze di sopravvivenza estrema di quella famigliola di fricchettoni del sud con cui ho scambiato quattro chiacchiere oggi nel centro di Amsterdam. Lui che di mestiere fa l’artista di strada, un concetto vago e opinabile tanto quanto lo stesso concetto di arte e che per darmi indicazioni usava come riferimento l’ubicazione dei coffee shop che conosceva, con la compagna e una bimba di due anni ad abitare in porzioni di case subaffittate da profughi di guerra del medio oriente che ottengono appartamenti gratis dal governo olandese per poi trarne profitto così alla faccia del welfare.

Credo che l’annichilimento della curiosità sia il male del secolo per noi italiani, e senza entrare nello specifico delle cose che ci ripetiamo tutti i giorni e che riguardano il modo in cui trattiamo la cultura, la tv che guardiamo, la qualità di quel poco che leggiamo eccetera. Oggi ho pensato che anche solo gli standard che siamo abituati a osservare dentro e fuori gli spazi che abitiamo sono cose che assottigliano il nostro cervello come le saponette consumate, quelle che non gettiamo perché comunque continuano a fornirci il minimo indispensabile per lavarci mani, faccia e ascelle la mattina.

Osservavo invece persone con scale di priorità completamente ribaltate rispetto alle nostre proprio ad Amsterdam: dagli appartamenti piano terra con vetrate che non capisci mai se è un negozio o una casa privata da quello che contengono agli spazi oltre l’IJ che tra avanguardie artistiche e architettoniche possono costituire un presagio di città apocalittica tanto vanno oltre la nostra immaginazione urbana fatta di standard sociali e ed estetici. Intendevo invece famiglie normali, mica gli sconvoltoni che vanno ad Amsterdam per stracannarsi senza sosta, comunque altrettanto rilassati nel prendere la vita, le cose, il prossimo a differenza dei nostri stereotipi con cui insistiamo nell’interpretazione dl nostro ambiente più famigliare.

Io, per esempio, mi ritengo una vittima irrecuperabile di questo processo di de-evoluzione. L’ordinarietà dell’Italia e degli italiani mi ha fatto passare la voglia di viaggiare, mi ha fatto fare il pieno di paure e mi costringe a sforzi emotivi molto frustranti quando mi trovo in contesti completamente diversi come quelli mitteleuropei. Mi sento assalire dalla paura del nuovo, del moderno, di un futuro incomprensibile che in realtà altrove, ma non da noi, è già parte del quotidiano. A me trasmette l’essenza della catastrofe, dell’ineluttabilità del tempo, del fatto che è difficile che noi, abituati alla totale immobilità, potremmo mai tenere un passo così superbamente rapido di popoli di corsa per allontanarsi da una situazione economica globale così difficile.

Forse la causa è tutta nelle piccole cose di comodo con cui ci facciamo consolare: il patrimonio artistico, si mangia bene e le donne sono belle e prodighe di passione, chissà. O forse sono io che sono vecchio, ormai trovo complesso l’adattamento all’ambiente anche se sono certo trattarsi di un’età che ho dentro che, per certi aspetti, era già piuttosto avanzata prima.

4 pensieri su “senilità, o della vecchiezza latente dentro

  1. Ci ho vissuto per un po’ ad Amsterdam e anche io ho avuto quell’impressione che descrivi tu sull’individuo medio. E’ un’idea (e un’invidia sottile) che non mi ha mai del tutto abbandonata, anche quando – dopo diversi mesi – mi era ormai abbastanza chiaro che la mole di nevrosi che ti porti in giro sulla tua bici col freno a pedale…eh, quella mica si vede, visto che vai pure velocissimo.
    E, come sempre, molte cose le dice il cestino della spesa: nel mio non mancavano mai gli ingredienti freschi per cucinare, nel loro non mancava mai un mazzo di fiori freschi da tenere sul tavolo in soggiorno.

  2. No, avevo 27 anni e quindi ho ritenuto opportuno spararmi un po’ meglio la cartuccia della morte da rockstar: rovinare dalla bici ed essere falciata e uccisa da altrettante mi pareva uno spreco. Insomma, l’ho usata poco e sempre con una certa angoscia. Ma i saliscendi sui ponti ti fanno sviluppare il polpaccio à la Gattuso – per altro indelebile a distanza di anni – anche a piedi, non temere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.