alcuni aneddoti dal futuro degli altri

alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 01.12.15

Pubblicato il

Repubblica.it, “Volley, la Piccinini s’arrabbia: Giovani viziate e poco rispettose”: L’icona della pallavolo italiana, quasi 37enne, apre su Facebook uno scontro generazionale che va oltre i confini dello sport: “Le ragazze sono cambiate, hanno la lingua lunga e sono sempre attaccate allo smartphone”. Il ct azzurro Bonitta le dà ragione: “Anche per un allenatore è diventato più difficile”

corriere.it, “La lettera di Marco Parma”: Non esistono iniziative “cancellate” o “rinviate”. L’unico diniego che ho opposto riguarda la richiesta di due mamme che avrebbero voluto entrare a scuola nell’intervallo mensa per insegnare canti religiosi ai bambini cristiani: cosa che continuo a considerare inopportuna.

Il Post, “I tessuti africani che hanno dentro un messaggio”: Li produce da 150 anni un’azienda olandese; ora sono un prodotto di lusso ma all’inizio le donne sceglievano i motivi per dire che erano colte o ballavano bene.

gli 88 folli, “Io e Annie, io e Allen”: Perché questo film è considerato da molti il capolavoro di Allen? Io credo che sia perché la storia con Annie continua a non funzionare mai, eppure va avanti. Prosegue, eppure ogni volta si arresta. Si vede che non c’entrano nulla l’uno con l’altra, ma non riescono a fare a meno di cercarsi. Tra risate, noia, tentativi di provare cose nuove e di ritrovare quello che di bello c’è stato. Io e Annie piace tanto perché è divertente, ma fa pensare. Impegna la testa, ma in modo leggero. Sono due pazzi nevrotici da strozzare, eppure li adori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.