Spazio Pour Parler

e tu sei compositore o arrangiatore?

Pubblicato il

I talent show dedicati alla musica che ci fanno vedere qualche dietro le quinte dell’industria discografica o almeno ciò che ne resta, hanno però il merito di dare ai non addetti ai lavori qualche spunto sulle professioni e i ruoli che, ai tempi dello show business, facevano girare milioni di miliardi intorno alle star del pop. Ma alla fine, al netto di tutti quelli che ci lucrano sopra e che vivono a scrocco degli artisti, il sistema si basa su due figure chiave che sono, come si capisce dal titolo, il compositore e l’arrangiatore. Saprete, immagino, di cosa si tratta. Il compositore è la persona che inventa la musica, l’arrangiatore è quello che la confeziona secondo certi requisiti che vanno dal farne una hit al renderla il più al passo coi tempi possibile e così via. Ma quella del compositore è dell’arrangiatore è una efficace metafora della vita grazie alla quale possiamo dividere la maggior parte delle persone in due principali categorie. Quelli che hanno l’idea fine a se stessa e quelli che fanno da intermediari tra l’idea e il pubblico rendendo l’idea monetizzabile o degna di essere proposta sul mercato o comunque con un potenziale tale da renderla oggetto di commercializzazione, in qualche modo. Già il modo di descriverli vi fa capire a chi spetta una maggiore o minore complessità. Chi fa l’arte e chi si sporca le mani. Chi può permettersi di produrre secondo i suoi tempi e chi invece ha scadenze da rispettare e si smazza la fatica sul serio. Ma tornando nel senso proprio della dicotomia tra le due figure della musica, io vi dico che l’unione fa la forza, ovviamente, e come hanno dimostrato i più recenti spettacoli canori di successo, a mettere insieme un compositore e un arrangiatore bravi si fanno faville perché si tratta di due discipline complementari. Chi fa i pezzi e li personalizza, è difficile decidere quando entrambi sono di valore chi ha la maggiore responsabilità. Dalla mia modesta esperienza di musicista posso dirvi che fare l’arrangiatore è molto più divertente e ci si espone anche con moderazione, alla fine se una cosa non funziona non è certo colpa di te che hai messo una batteria e due archi per far filare il pezzo se la canzone non ha vinto il Festivalbar. Tu il tuo lavoro di arrangiamento l’hai fatto, se manca la sostanza mica è colpa tua. Allo stesso modo, parlando di compositori e arrangiatori in senso lato, sono quasi certo che nelle dinamiche interpersonali le cose girano così. Io sono sempre stato un arrangiatore e non ho nessun rimpianto. Datemi in pasto una composizione – ma anche i vostri pensieri o una storia che fila, mi basta quella – e vedrete quello che vi tiro fuori. E che mi dite di voi?

8 pensieri su “e tu sei compositore o arrangiatore?

  1. Che riflessioni profonde e vere, io credo che le due figure siano complementari, nella musica e nella vita.
    E comunque non smetto mai di stupirmi della tua capacità di scrivere in questa maniera eh… perfetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.