alzate la mano uno per volta grazie

Pubblicato il Pubblicato in Spazio Pour Parler

Ieri sera al tiggì uno scrittore emergente ha detto una cosa che penso anch’io, e cioè che quando scrivi non ti interrompe nessuno come quando parli, non si hanno interlocutori pronti a condividere le loro osservazioni o zelanti commentatori che, perdonate il francesismo, non perdono l’occasione per farti la punta al cazzo. Si riferiva evidentemente ai suoi libri, ma io mi sento di aggiungere che i lettori dei libri che scrivi non li incontrerai mai se non per firmare qualche anonima copia, mentre il pubblico che ti ascolta c’è anche sull’internet ma il bello della differita è che puoi moderare, cancellare, modificare, far finta di niente, bloccare, bannare, oscurare e persino suicidarti telematicamente, non so se mi spiego. Non fraintendetemi: sto seguendo anch’io “Th1rteen R3asons Why” e da genitore di figlia adolescente non mi permetterei mai di sottovalutare i pericoli delle tracce che lasciamo in rete e, in certi casi, a cosa inducono.

Sono perfettamente consapevole che quando digitalizziamo una cosa, una foto, un pensiero, un movimento, possiamo fare ciao con la manina a quella parte di noi. Ma è anche vero che quanto più cerchi la popolarità o comunque di metterti in mostra tanto meno nessuno, riperdonate il francesismo, ti si incula di pezza, quindi i Paolini del web, che il popolo identifica genericamente come troll e che si intromettono ovunque ci sia uno scorcio di visibilità, è giusto che subiscano il trattamento che si meritano.

Io però mi riferivo a un’altra cosa. In questo incommensurabile territorio di conquista per i seminatori di pareri personali e informazioni soggettive incontrollabili, come si fa a intravedere anche un piccolo barlume di evoluzione della nostra civiltà e di predestinazione per la costituzione di un ambiente unico multidisciplinare per la conservazione e la divulgazione del tutto? La letteratura su Internet, l’arte su Internet, la politica sui canali di Internet in cui va in onda la democrazia diretta, gli incontri casuali e duraturi tra persone su Internet, le vite delle persone stesse su Internet.

E probabilmente l’Internet, con tutta l’armata di socialcosi che ha messo in campo, ci ha preso per sfinimento e nessuno ha più voglia di far finta di essere qualcun’altro, ma io preferisco non abbassare la guardia. Se tutto può essere rielaborato, fotoshoppato, stretchato e editato si fa preso a prendere una cantonata. I conta-frottole ci sono anche dal vero, e probabilmente sono sbarcati da questa parte del monitor perché qui se vuoi rifarti una vita c’è posto per tutti. Ma il bello della scrittura, online e offline, è che puoi raccontare, argomentare, asserire o negare quello che vuoi e nessuno può zittirti mentre scrivi, a meno di un black-out in un momento in cui hai la batteria del laptop allo zero percento. Io però sono per una via di mezzo e anche a me piace, come allo scrittore che rispondeva alle domande del giornalista, la possibilità di non essere messo a tacere oppure oggetto di obiezioni. Non è nel mio carattere schivare le critiche e le osservazioni, ma preferisco raccogliere tutte insieme e confrontarmi alla fine, anche se ad oggi non so ancora alla fine di cosa.

Un pensiero su “alzate la mano uno per volta grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *