c di campioni

Pubblicato il Pubblicato in Spazio Pour Parler

Per il terzo anno consecutivo quelli della sezione C si sono presentati alle gare sportive di istituto con quella maglietta, e ancora una volta non sono riuscito a fare una foto per documentare l’errore. Peccato perché non ci sarà più occasione. Mia figlia si accinge a concludere il suo cammino nella secondaria di primo grado e l’anno prossimo chissà in quali attività para-scolastiche sarà impegnata al liceo classico. Il certamen di Latino? Il lancio del vocabolario di Greco? Le olimpiadi della Matematica? Il torneo di volley degli istituti superiori? Non credo che, comunque, a quell’età si dovrà ancora indossare nelle occasioni ufficiali una divisa o un vessillo che provi l’appartenenza a una sezione. Ve lo immaginate? Passino le felpe di istituto (il liceo a cui si è iscritta la ragazza ne è provvisto, e sono pure belle) ma la t-shirt a colori con la lettera sul davanti spero proprio di no.

Alle medie invece è una prassi e, nel caso delle sfide di atletica, è anche utile per identificare il corso di appartenenza, per non parlare del caso della staffetta in cui i partecipanti possono identificare meglio il compagno a cui affidare il testimone. Vi siete riconosciuti? Allora leggete qui: se vi apprestate a suggerire alla classe di vostro figlia/a che cosa scriverci su vi do due dritte. Primo: non aggiungete la classe, oltre la sezione, così vi durerà per tutti e tre gli anni (ridendo e scherzando una stampa di quel tipo costa una decina di euro a capoccia). Non l’ho suggerito io alla classe di mia figlia, ma questa linea è passata. Certo, qualcuno nel frattempo ha cambiato la taglia dell’abbigliamento ma, tutto sommato, cercando di essere previdenti in prima, non si dovrebbero correre rischi e alla fine la t-shirt con la E davanti e il nome sulla schiena è andata bene anche stamattina.

Secondo, ma più importante: se volete aggiungere uno slogan, una frase simpatica o qualunque cosa che contraddistingua i ragazzi controllate bene il file prima di mandarlo allo stampatore. Sebbene sia un copywriter non ne faccio una questione di originalità: quelli della A hanno provato con miticA, e va bene. Ma quelli della C hanno toppato in pieno, volendo fare i pazzeschi. Così per il terzo anno consecutivo quelli della sezione C si sono presentati alle gare sportive di istituto ancora con la maglietta con su scritto “We are the Champion”. Proprio così, con “Champion” senza la esse finale. Non so chi sia il loro prof di inglese, o magari fanno solo francese ma non ci credo e in ogni caso che brutta figura per la scuola come istituzione. Passi non conoscere i Queen, passi la fretta per cui non si controlla mai il lavoro prima di consegnarlo (ogni mio post contiene in media almeno un paio di refugi, oops volevo dire di refusi) ma in tre anni qualcuno, oltre a me, se ne sarà accorto oppure no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *