faresti meglio a fare più attenzione

Pubblicato il Pubblicato in Spazio Pour Parler

Conosco la signora che si occupa di tenere a modo l’appartamento della famiglia Rossini e sembra che si vada lamentando di quello che trova quando si trova lì per dare una sistemata. Ne ho conosciuti di zozzoni a questo mondo, va dicendo in giro, ma come loro non ne ho mai visti. Quando si tratta di incuria o di barbonaggine non c’è nessuno scontro di civiltà o attestazioni della supremazia di questo o di quello. I Rossini sono italianissimi, la loro colf è stranierissima ma, come vedete, lo ius soli dovrebbe essere un’esclusiva della gente che riordina le cose, ci tiene all’igiene, si lava e si mantiene in condizioni civili. I Rossini vivono al terzo piano e il nonno di Sara, che abita invece nel palazzo di fronte, si è precipitato a soccorrerli quando hanno sceso insieme e in bici la rampa che porta ai garage al piano interrato. La rampa è piuttosto ripida, a dire la verità, ma il geometra che ha progettato il tutto l’ha pensata per dei veicoli a motore. I Rossini hanno sopravvalutato i freni delle loro city-bike e sono finiti l’uno contro l’altro. Niente di grave, ma il nonno di Sara si è spaventato perché tempo prima era successa la stessa cosa ad Alice, la figlia dei dirimpettai dei Rossini. Alice si è lanciata volutamente giù lungo la discesa con il suo triciclo e si è schiantata sul portellone del box di fronte sotto gli occhi del padre. Grazie a quest’episodio, che è stato senza conseguenze se non per la forcella davanti completamente piegata, il genitori di Alice hanno capito quale fosse il parametro massimo di valutazione del rischio della bambina e hanno preso provvedimenti. Vi lascio con due dettagli sui signori Rossini, qualora vi sentiste in dovere di esprimere un commento sul loro modo di gestire la loro quotidianità domestica. Il signor Rossini lavora allo sportello di un ente pubblico ma da quando ci dà dentro con le consulenze grammaticali a pagamento sta pensando di campare solo di quello. La sua fortuna è stata l’aver venduto a una nota casa editrice, che era in dubbio se si scrivesse “Gli One Direction” o “I One Direction” sulla traduzione della loro biografia ufficiale, la forma corretta. Anche la moglie potrebbe vivere di rendita dal mestiere del marito, la finirebbe così di mostrare le foto del nipotino che gli arrivano su Whatsapp e far perdere tempo alle colleghe in orario di ufficio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *