brucio di passione

Pubblicato il Pubblicato in Spazio Pour Parler

Mentre ti aspettavo all’uscita della metro leggevo del capannone industriale che è bruciato due notti fa a pochi chilometri da casa mia. Ogni posto ha gli incendi che si merita e non fraintendetemi, è solo un modo dire perché rimanere stecchito all’istante per le fiamme o per le diossine inalate in differita non fa piacere a nessuno. Intendevo solo dire che se hai la natura intorno i piromani vogliono solo fare spazio alla speculazione edilizia, se hai aree produttive i motivi sono molteplici. Ti ho visto venirmi incontro e mi sono ricordato della tua idea di aggiungere una tassa a chi vuole costruire stabilimenti o siti produttivi per assicurarsi che la loro demolizione, una volta terminata l’attività, non sia sul gobbone della cittadinanza o che i ruderi con i vetri mandati in frantumi dai ragazzini con le fionde e dalle intemperie non rimangano alla mercé di chi ha smanie di accendere. In mezzo, tra le start-up e le cose che vanno in malora, ci sono fattori come riscuotere l’assicurazione con l’auto-combustione, danneggiare i competitor mandando in fumo il magazzino, la casualità dei corto circuiti negli impianti non a norma. E prima che tu mi raggiungessi mi è venuta una voglia improvvisa di abbattere la quarta parete narrativa e rivolgermi a coloro che avrebbero letto questo racconto giusto per sapere se c’era qualcuno che ne sapeva qualcosa. Sarebbe utile venirne a capo anche solo per proteggere questa storia d’amore che inizia qui mentre io, che ve la racconto, sono in vacanza chissà dove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *