Spazio Pour Parler

chef master

I miei nonni, gente semplice che veniva dalla campagna, pranzavano rigorosamente alle dodici e cenavano alle sei del pomeriggio e qualcosa è rimasto di quella scansione del tempo nelle mie abitudini, un retaggio delle richieste che generazioni di corpi umani usi agli orari del lavoro nei campi e nelle stalle hanno cesellato nel DNA della mia famiglia di origine. So che è impossibile, ma sono un romanticone e mi piace pensarla così. Nel frattempo è subentrata a gamba tesa la modernità del lavoro salariato del terziario, nel mio caso avanzato, e in genere il modello occidentale della nostra società, che impone pasti mai prima dell’una e trenta e cene dopo le otto di sera, usanze peraltro non così sane per il nostro organismo. Si legge ovunque che coricarsi con il cibo sullo stomaco non è salutare, e tirare tardi per attendere la digestione – parlo per me – è altresì impossibile.

Mio padre, che avrebbe voluto tener fede alle sue radici ma ha dovuto scendere a compromessi con i suoi orari da impiegato, sono sicuro che resterebbe piacevolmente sorpreso del fatto che all’estero il consumo dei pasti non è così irregimentato nelle rigide griglie osservate da noi italiani. Nella sua vita ha viaggiato molto poco, direi quasi niente. Così quando mi trovo in località straniere turistiche e osservo ristoranti e bar pieni di gente che mangia a tutte le ore e non necessariamente le pietanze che noi leghiamo alle varie fasce della giornata, penso che sarebbe contento di potersi sentire libero di sedersi a un tavolo come probabilmente ha fatto per tanti anni da bambino, a mezzodì per pranzo e alle diciotto per la cena, senza sentirsi dire dai camerieri che è troppo presto. Tutta questa anarchia gastronomica, se devo essere sincero, mi fa agitare. Se non mi controllo arrivo addirittura a pensare che sia blasfema. D’altronde dalle nostre parti il cibo non è solo una utility, è un vero e proprio culto. Mi sono chiesto, quindi, perché nella nostra cultura al mangiare si dia così tanta importanza mentre altrove lo stare a tavola sia visto con maggiore leggerezza. Forse, in fondo in fondo, siamo ancora la povera gente di campagna di una volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.