Spazio Pour Parler

senza confini

Se non fosse per un problema di privacy che mi induce a farmi mille scrupoli prima di divulgare informazioni e immagini altrui ai milioni di lettori che frequentano queste pagine, avrei introdotto questo post con la foto che ho fatto venerdì scorso a Fulvio e Federica, nomi di fantasia che uso per evitare di pubblicare i nomi veri, per lo stesso motivo di prima. Fulvio e Federica sono i due amici più cari che ho. Vivono a Genova, che dopo Berlino probabilmente è la città che preferisco in assoluto, e una volta all’anno mi ospitano per un weekend, solitamente a luglio. Il programma prevede sempre alcune tappe obbligate: giro completo del centro storico e del Carmine, il quartiere in cui abitavo quando vivevo laggiù; aperitivo a Castelletto; corsetta dalla foce fino a Nervi e poi bagno a Quarto; focaccia e vino bianco fresco in abbondanza. Fulvio e Federica amano fare lunghe camminate, una pratica che è ottima se vivete a Genova perché è una città che, pur complessa e piena di contraddizioni, offre scorci senza confronti. Nel weekend di luglio che ogni estate trascorriamo insieme mi unisco a loro per godere della bellezza del capoluogo ligure. Venerdì scorso invece ho ospitato Fulvio e Federica a Milano, in occasione del concerto dei The National. Ci siamo dati appuntamento al capolinea della metro gialla ed è stato molto strano vederli in un contesto decisamente differente da quello solito a cui li riconduco. Dovevamo mangiare qualcosa prima di avviarci al luogo del concerto, così ci siamo seduti in una nuova tavola calda ubicata lungo i binari del tram per Limbiate che costeggia la Comasina. Si tratta di un locale gestito da curdi che prepara un ottimo kebab e altre specialità tipiche. Abbiamo preso posto in un tavolino ubicato nel dehors. Lì ho scattato la foto che avrei voluto pubblicare a corollario di questo ricordo. Fulvio e Federica seduti con uno stabilimento desueto alle spalle quasi completamente coperto di graffiti, il ponte dell’autostrada con i pannelli anti-rumore, la carreggiata sotto che, poco prima, è divisa in due da un parcheggio sterrato a pettine, entrambi con la piadina kebab in mano che sorridono all’amicizia che ci lega, anche in un luogo così estraneo alla loro vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.