Spazio Pour Parler

anche io vado al secondo piano

Pubblicato il

Leggendo tra le righe delle storie di quello scrittore francese scomparso recentemente di cui mi sfugge il nome risulta evidente che, se avete superato i cinquanta e, ad oggi, ancora niente è andato per il verso giusto, viene spontaneo mettersi in punta di piedi e con la mano sulla fronte, come a riparare la vista dal sole, per capire se, all’orizzonte più o meno prossimo, si intravede la silhouette di una exit strategy dal proprio cammino. Lui sosteneva persino di uscire la mattina presto, come tutti, a portare la vita al guinzaglio a fare pipì, in tuta e con la prima sigaretta accesa in bocca, e osservare a malincuore i postumi della notte nei cocci delle bottiglie ingiustamente brutalizzate, nelle cartacce luccicanti degli snack sparpagliate sui marciapiedi a opera delle gazze che, in quanto a repulsione, sono seconde solo alle cornacchie, nella rugiada sui cofani delle automobili dei vicini acquistate di seconda mano dagli stock di flotte aziendali appartenute a qualche impresa fallita in malo modo, vittime come tante altre della confusione economica di tempi sfortunati come i nostri. Solitudine, rimpianti, smarrimento, Di Maio e Salvini, il senso di soffocamento causato dalla mancanza di ossigeno nel presente. Da quel momento, anche se si deve risalire con l’ascensore per rientrare a casa propria, è tutta discesa verso il peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.