Spazio Pour Parler

undici sono già troppi

Con la sua solita estetica stucchevole – un mix di cineserie in una cornice da propaganda di regime – Facebook mi ha appena ricordato che sono iscritto al monumentale social di Zuckercoso-là da undici anni. Un numero ragguardevole. In undici anni un bimbo nasce e cresce di un bel pezzo di vita. SI proietta dalla culla alla prima media, per dire. E anche nella vita di un adulto passa un bel po’ di acqua sotto i ponti. Ricordo bene lo spirito con cui avevo aggiunto Facebook alla mia collezione di must have digitali. C’era Myspace che andava per la maggiore, soprattutto per gente come me intenta a divulgare la propria velleità musicale, e il social network delle università americane – benché già se ne parlasse come prossima frontiera dell’Internet – risultava una sorta di scientology virtuale dalla scarsa utilità. Eravamo in quattro gatti, in Italia, a utilizzarlo, e l’interfaccia stessa lasciava piuttosto a desiderare. Poi, all’improvviso, i numeri degli iscritti sono diventati impressionanti. Ogni giorno era sempre più facile trovare persone che si conoscessero: colleghi, parenti, compagni di classe del liceo, vip e personaggi pubblici. A quel punto, come un nuovo continente appena scoperto alla mercé dei conquistadores, ecco che Facebook si profilava sempre di più come un mondo a sé, all’interno del mondo vero e proprio.

Undici anni, già. Vista l’attenzione con cui è stata data enfasi a questa ricorrenza – non ricordo che lo scorso anno allo scadere della cifra tonda Facebook mi abbia in qualche modo organizzato alcuna festa – ho accettato così di schiacciare play sul video che Zuckercoso sembra aver preparato apposta per me. La solita pacchianata, con due o tre foto prese a cazzo tra quelle che ho caricato recentemente, con un criterio pericoloso per un sistema che mischia indiscriminatamente ricordi belli e brutti, e l’avatar con il mio faccione inserito in un tondo che ricorda una di quelle spillette che si attaccavano allo zaino della scuola o al bavero del parka. La mia faccia che vaga in quell’ambiente digitale creato per essere uguale per tutti, dai toni sfarzosi e per questo illusori, nell’ingenuo tentativo di farmi credere che Facebook sia una sorta di paradiso dei buoni sentimenti, una società nella società, cosa che probabilmente è proprio così e che mi rende ancora più consapevole del tempo che ho buttato via su quel pianeta a scapito di questo in cui sono nato, lungo tutti questi undici anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.