alti e bassi di fedeltà sonora

l’unico suono di chitarra non riproducibile con la bocca

When the song shifts from the verse to the chorus, Jonny Greenwood plays three blasts of guitar noise (“dead notes” played by releasing fret-hand pressure and picking the strings). Greenwood said he did this because he did not like how quiet the song was; he explained: “So I hit the guitar hard—really hard”.[3] O’Brien said: “That’s the sound of Jonny trying to fuck the song up. He really didn’t like it the first time we played it, so he tried spoiling it. And it made the song.”

Questo è quello che si dice su Wikipedia degli strappi di chitarra elettrica che anticipano il ritornello di “Creep” dei Rdiohead che, per quello che mi riguarda, dovrebbero essere dichiarati patrimonio dell’umanità. Ho sentito la cover nella colonna sonora de “La compagnia del cigno” e per ristabilire l’equilibrio dell’universo ho pensato di riproporla qui. Da italiano, chiedo scusa al resto del mondo per quello che abbiamo fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.