Spazio Pour Parler

che pale

Pubblicato il

Con l’inizio ufficiale della stagione più calda si sente sempre meno parlare di Greta Thunberg e sono ampiamente diminuiti i meme in giacca gialla sui social perché, se non c’è niente da ridere sul global warming, ben ce ne guardiamo da mettere in dubbio il climatizzatore in casa, i consumi che ne derivano e il peggioramento dell’aria di tutti. Io sono della generazione a cui l’aria condizionata dà fastidio – anche in macchina – ma vengo da una fase storica in cui bastava avere due finestre da aprire ai lati opposti dell’appartamento per vivere decentemente oppure un solo braccio fuori dal finestrino, cavalcando l’aria come una tavola surf sulle onde, dirottava l’aria dentro l’auto abbattendo la temperatura corporea e nell’abitacolo. Oggi questo escamotage non basta più perché i gradi si sono alzati, ho almeno trent’anni in più di allora e soprattutto vivo alle porte di Milano. Da queste parti il condizionatore in casa è un must, a scapito dell’estetica: che senso ha curare lo stile dell’arredamento della propria casa per poi mettersi uno scatolotto in plastica così in bella vista, per non parlare di quegli orrendi cassoni sul balcone che in confronto le parabole satellitari sono una chaise longue di Le Corbusier? Il problema è che, per la prima volta nella mia vita, l’estate scorsa ho temuto di non farcela più senza perché il caldo ha superato la soglia di sopportazione. Mia moglie mi ha chiesto così di cercare un ventilatore a pale da soffitto comprensivo di luce da mettere in camera da letto. Il modello deve essere sufficientemente elegante, possibilmente in legno, e manco a dirlo deve costare poco: queste sono i pre-requisiti. Al di là del prezzo, che va da poche decine di euro a più di cinquecento, a me sembrano tutti brutti e mi danno l’impressione che un biplano a elica si sia piantato sul tetto. E poi, mi chiedo, saranno davvero efficaci? Agitare turbini di aria rovente lenisce comunque la sensazione di soffocamento da canicola?

2 pensieri su “che pale

  1. Io, nella casa sul lago, ho installato tale ventilatore a soffitto e ne sono stato entusiasta. Non ti dico che mi ha cambiato la vita, ma il sonno sì, decisamente. Consiglio l’acquisto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.