Spazio Pour Parler

dieci

La cosa che mi piace di meno del mio lavoro è la valutazione, il motivo è che ne costituisce la componente più difficile. Vista da fuori sembra un gioco da ragazzi, soprattutto quando ci sono da correggere le verifiche oggettive: come nel pattinaggio, si attribuisce un punteggio a ogni passaggio oggetto della prova e, arrivati alla fine, si tirano le somme. L’esperienza da studente la fa sembrare persino uno strumento per esercitare il potere: dai giudizi e dai voti dipendono presente e futuro di un bambino e i docenti possono definire, in largo anticipo, il loro percorso scolastico. La questione in effetti è molto spinosa, a partire dalle valutazioni di chiusura ciclo che vanno a quantificare il valore degli obiettivi raggiunti dallo studente. Quest’anno insegno in una prima e il problema, che pensavo a questo stadio embrionale della scuola primaria potesse considerarsi rimandato, si è palesato invece ancora più controverso. La domanda che mi sono posto è se, nei primi mesi della vita scolastica di un bambino, sia necessario già restituire a lui (ma di più alla sua famiglia) dei feedback non positivi. Se da una parte una penalizzazione così acerba è in grado di far correre ai ripari nel caso di una difficoltà di apprendimento da affrontare, dall’altra può minare la relazione tra scuola e genitori, demotivare gli alunni, far nascere una diffidenza prematura nei confronti dei docenti. La risposta che mi sono dato è che gli ostacoli si possono superare con il confronto e il dialogo ma, in questa fase iniziale del percorso di studi, la scuola si deve porre come soggetto accogliente e, di partenza, limitarsi a una ponderazione sul livello dell’entusiasmo per la scuola dimostrato che, nei bambini di prima, merita sempre un punteggio pieno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.