circolare n. 138 del 24 gennaio 2020

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in questione primaria, Spazio Pour Parler

Ogni tanto il liceo di mia figlia mi invia la newsletter alla quale mi sono registrato sin dall’iscrizione alla prima, tre anni fa. Si tratta di una newsletter riepilogativa che il sito della scuola manda automaticamente e che contiene le comunicazioni inviate manualmente nell’ultimo periodo. Conosco molto bene il sistema perché la piattaforma su cui […]

è stato un tempo solitario

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, questione primaria

Il giorno in cui mi è esploso per la prima volta il rock dentro io me lo ricordo benissimo. Avevo poco più di sei anni, era il duemila e venti, facevo la prima elementare e c’era stata una specie di epidemia di febbre e tosse per cui eravamo in dieci in classe. Nell’intervallo lungo dopo […]

ancora sulla scuola azienda

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in questione primaria

Il dibattito sul registro elettronico è costantemente all’ordine del giorno, tra gli insegnanti, e non è certo un problema dell’impiego dello strumento in sé e dei suoi vantaggi. Il fatto è che il registro elettronico che la maggior parte delle scuole hanno a disposizione non è per nulla user-friendly ed è sviluppato con una logica […]

lo stesso giorno

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Spazio Pour Parler

Una cartoleria piuttosto alternativa del centro di Milano vende calendari compatibili, ovvero calendari non dell’anno in corso bensì di anni passati – nel nostro caso bisestili – i cui giorni coincidono con il 2020. La combinazione non è semplice e il primo calendario effettivamente riciclabile e che rispetta i valori delle variabili (la presenza del […]

storie alimentari

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Spazio Pour Parler

Da Jole si mangia calabrese ed è una tavola calda con cucina casalinga gremita – per la maggior parte – di gente che svolge lavori di fatica qui intorno e che si distingue per indossare tute con brand industriali piuttosto noti. Il pranzo completo costa dieci euro, è decisamente sostanzioso e anche di buona qualità. […]

ci sono donne che sanno stare un passo indietro, ci sono uomini che sanno stare un passo avanti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Hey you Don’t watch that. Watch this! This is the heavy heavy monster sound. The nuttiest sound around, so if you’ve come in the off the street and you’re beginning to feel the heat. Well, listen buster you better start to move your feet to the rockinest, rock steady beat of Madness.

a scuola di imitazione

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in questione primaria

Ai tempi dell’Internet fare l’insegnante non dico che sia più facile di quando i prof massacravano gli studenti con raffiche di verbi da tradurre simultaneamente in latino a botte di uno ogni cinque secondi, però dobbiamo ammettere che ci sono molte risorse che possono rendere più differenziata e vivace (e quindi anche, in parte, semplificare) […]

generatore random di abbinamenti tra vecchi cantautori che non hanno più molto da dire e giovani esponenti della trap italiana

Pubblicato il Pubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Le prime avvisaglie della necessità di marcare il territorio socio-culturale con qualche pisciata artistica da parte delle generazioni cosiddette boomer che hanno prosciugato le risorse al futuro dei millennials le abbiamo avute con l’aver circondato Achille Lauro, nel suo set live del concerto del primo maggio, con musicisti cinquantenni, a partire dal chitarrista di Ligabue, […]

a domicilio

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Spazio Pour Parler

Da quando ho visto l’ultimo film di Ken Loach osservo con occhio più critico il furgone che porta la spesa dell’Esselunga e, vi giuro, non c’è niente di personale. Lo incrocio spesso parcheggiato con due ruote sul marciapiede di fronte al cancello del maxi-condominio davanti a casa mia quando esco la sera per andare in […]

agli albori del successo, alla fine del sonno

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Stanotte ho fatto un sogno particolarissimo. I Litfiba avevano pubblicato un EP a cavallo tra “Eneide di Krypton” e “Desaparecido”, un vero e proprio concept intitolato “Auschwitz non esiste”. Non si trattava però di un vero e proprio disco. Intanto aveva le sembianze di un testo colto per bambini, non so se avete presente le […]