mi devo preoccupare, non mi devo preoccupare, mi devo preoccupare, non mi devo preoccupare…

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in i dislike, i like, partiti e poi tornati, quattro stagioni (rossa)

Un paio – abbonderò per difetto – di cose viste e sentite negli ultimi giorni. Il periodo è un po’ la morte dei sensi, si sa, ma gli stimoli esterni non godono di molta salute. Cioè, non sono io a vedere tutto grigio scuro. Un paio di giorni fa, meno che a spasso, diciamo trascinando […]

la freccia rossa, la freccia nera

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in partiti e poi tornati

Quando non era sicuro viaggiare sui treni e sostare in stazioni, ma i parassiti, le lenzuola d’oro, la tav, la pulizia delle carrozze in sub-sub-subappalto e i pendolari in protesta sui binari non ne erano ancora la causa. Le voci nel giorno della commemorazione, anche se la commemorazione dovrebbe essere ogni giorno, ogni giorno degli […]

*.e libertà

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in partiti e poi tornati

Dopo varie proposte di nomi, io ho fatto la mia ed è stata accettata: mi fa molto piacere, perché in un momento storico importante l’idea di aver dato il nome ad un nuovo partito è bella. Perché questo nome? Credo che Gianfranco Fini sia la persona che incarna meglio l’idea di un futuro di libertà […]

questa casa delle libertà non è un albergo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in lo vedi?, partiti e poi tornati

Quando finisce un amore. Resta da capire chi ha lasciato chi.

e tra dieci anni faranno una reunion e una tournée, come i Litfiba

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in partiti e poi tornati

o, forse più consono, un Filthy Lucre Tour come i Sex Pistols.

si, lo so, ma io già li ascoltavo 4 anni fa

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in i like, lo vedi?

The National – Anyone’s Ghost Castle Rock Session Pitchfork.tv

Che ha dato il suo profumo ad ogni fiore

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in i like, quattro stagioni (rossa)

In questo interregno che è l’estate, l’estate quella vera, quella di mezzo. In questo limbo. In questa fase dell’anno tra parentesi, luglio e agosto, in cui si perpetua  la temporanea diaspora di menti e corpi – soprattutto corpi – e case e uffici e mezzi di trasporto privati e pubblici urbani ed extraurbani (e talvolta […]

i’m gonna harden my Hurt

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in cineMa e cineSe, i like

Prendo atto che i primi 2 posti della mia cine-top ten universale-globale-dituttiitempi sono occupati da 2 film con William Hurt.  Me l’avessero predetto 24 anni fa, dopo “Dentro la notizia”, mi sarei fatto una risata.